Obiettivo attaccante per il Bologna: da Calleri a Rossi


Il primo obiettivo del Bologna sul mercato è un attaccante. Calleri è un’operazione complessa, stuzzica la scommessa Rossi, Floro Flores si aggiunge a Floccari. Tris di idee per l’esterno

– di Marco Vigarani –

Donadoni e Corvino hanno deciso l’ordine delle priorità, Saputo e Fenucci condiviso l’ampiezza del budget: ora il Bologna si butta a capofitto nel mercato. Forte di un girone di ritorno accettabile per numero di punti ma ancora pericoloso per il distacco dalla zona calda, il club rossoblù intende piazzare l’allungo decisivo sfruttando la potenza economica del presidente italocanadese sul mercato ed operando in tempi relativamente brevi. I primi colpi di mercato dovrebbero essere messi a segno entro pochi giorni dall’avvio ufficiale delle trattative ed in particolare il primo riguarderà l’attacco.

Giuseppe Rossi, sfortunato attaccante azzurro (ph. Zimbio)

Giuseppe Rossi è qualcosa più di un’idea per il mercato di gennaio del Bologna (ph. Zimbio)

La soluzione più interessante è quella che porta all’argentino Jonathan Calleri che nei giorni scorsi ha aperto al suo sbarco in Europa (“Sono ancora un giocatore di Boca ma la possibilità di andare in Europa è concreta ed avanzata“) e potrebbe essere parte di una strategia comune con l’Inter che porterebbe anche Ranocchia a Bologna in prestito secco con divisione al 50% dell’ingaggio da 2,2 milioni annui. Sarebbe curiosamente l’ex rossoblù Osvaldo a riempire la casella lasciata libera dal ragazzo nella rosa del Boca. Negli ultimi giorni però Corvino si è fatto tentare dall’idea di vestire di rossoblù Giuseppe Rossi, ormai fuori dalle rotazioni della Fiorentina ed impaziente di rimettersi in gioco in una piazza che possa dargli fiducia. Le condizioni fisiche sono il grande enigma di questo ragazzo che però ha tra i suoi ammiratori anche Genoa, Betis Siviglia e Real Sociedad ma il Bologna esercita un fascino particolare sul giocatore che avrebbe di fatto dato già il suo assenso all’operazione. Passano quindi in secondo piano altre idee come quella di Sergio Floccari che però continua a fare bene a Sassuolo e del suo compagno di squadra Antonio Floro Flores: entrambi sono in scadenza a giugno ed estremamente appetibili già a gennaio.

Un gol di Keita regala alla Lazio il successo sul Leverkusen  (ph. Zimbio)

Sull’esterno si segue anche la situazione di Keita oltre a Biabiany e Cerci (ph. Zimbio)

A seguire il Bologna cercherà di portare a casa un esterno offensivo che possa giostrare nelle rotazioni con Giaccherini, Mounier e Rizzo che hanno mostrato una preoccupante fragilità fisica. Jonathan Biabiany è stato uno dei primi nomi richiesti ma la stima di Mancini per il ragazzo sta diventando un serio ostacolo alla trattativa e per questo motivo Corvino ha imbastito anche altre trattative. In particolare, perso Iturbe, il ds salentino ha bussato alla porta di Milan e Lazio rispettivamente per Alessio Cerci e Keita Baldè: entrambi nutrono il desiderio di giocare con maggiore continuità ma nel caso dell’italiano la trattativa andrebbe in realtà portata avanti con l’Atletico Madrid, detentore del cartellino. Andranno invece deluse le speranze di tanti tifosi di rivedere al Dall’Ara Gaston Ramirez che lascerà il Southampton per trasferirsi al Cruz Azul o ritornare al Penarol. Detto di Ranocchia, il Bologna per la difesa ha chiesto anche informazioni alla Juventus su Daniele Rugani ricevendo disponibilità a trattare un prestito mentre invece per quanto riguarda il centrocampo dal Milan potrebbe arrivare uno tra Antonio Nocerino e Jose Mauri (entrambi ex del Parma di Donadoni) oppure dall’Inter il nome sarebbe quello di Assane Gnokouri.

Concludendo con qualche annotazione sul mercato in uscita, va rilevata la lunga lista di pretendenti per l’esterno Ibrahima Mbaye che piace in Italia all’Atalanta e allo Spezia mentre all’estero si rileva la richiesta del Panathinaikos allenato da Stramaccioni, suo ex tecnico in nerazzurro che ha pensato anche al centrocampista Lorenzo Crisetig. Filippo Falco andrà in prestito in Serie B al pari di Marco Crimi ma uscirà anche uno tra Matteo Mancosu e Robert Acquafresca: il primo ha diverse richieste ma il sogno di Corvino sarebbe quell di liberarsi dell’ingaggio del secondo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *