Odom: “La Virtus era la miglior scelta possibile”


Ultima presentazione a stelle e strisce in casa Virtus con coach Valli che ha introdotto la nuova ala bianconera Roderick Odom

– di Marco Vigarani – 

Roderick Odom, nuova ala bianconera  (ph. Virtus)

Roderick Odom, nuova ala bianconera (ph. Virtus)

Completati arrivi e visite mediche, la Virtus ieri pomeriggio presso l’Hotel BolognaFiera ha presentato anche l’ultimo tassello del suo nuovo roster, l’ala Roderick Odom. Lo statunitense è stato introdotto ai media direttamente dal coach bianconero Giorgio Valli che ha approfittato dell’occasione per fare il punto della situazione e spiegare le scelte fatte in estate: “Non volevamo trasformare la fisionomia della nostra squadra perciò ne abbiamo mantenuta metà ed è quindi stato più facile completarla tanto da aver finito per primi in Italia. Avevamo tanti giocatori nel mirino ma abbiamo scelto Vitali, Williams,  Pittman  e Odom perché abbiamo visto in loro le giuste motivazioni ed un percorso in cui devono ancora arrivare. Sono tutti ragazzi di talento che vanno affinati in un contesto di squadra e che possono far parte del nostro progetto vistoche puntiamo ad aprire un ciclo. La cosa più importante oggi è ricordarsi dove eravamo un anno fa per poter ambire a fare lo stesso tipo di percorso”.

La parola è quindi passata direttamente a Odom che ha detto: “Ho scelto la Virtus perché in questo momento della mia carriera è stata la migliore offerta che potessi avere. Una società ricca di storia, organizzata, con uno staff tecnico importante. In Europa ho imparato che conta di più gioco di squadra rispetto agli States dove si predilige l’uno contro uno e personalmente ho assunto quesro tipo di mentalità soprattutto in chiave difensiva perchè non mi piace solo tirare ma prendermi le mie responsabilità in ogni zona del campo. Credo nel motto che recita ‘Sbagli il 100% dei tiri che non prendi’, mi ispiro a Kobe Bryant e sono sicuro che qui in Virtus potremo toglierci tutti delle belle soddisfazioni crescendo insieme”.

 

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *