Oggi Italia-Belgio: inizia l’Europeo degli Azzurri


Inizia anche per l’Italia l’avventura di Euro 2016: stasera alle 21 la sfida al temibile Belgio dei baby fenomeni. Conte conferma il 3-5-2

– di Marco Vigarani –

Conte in conferenza stampa (ph. zimbio)

Conte non ha dato indicazioni sulla formazione durante la conferenza stampa (ph. Zimbio)

È arrivata la giornata dell’esordio, quella che vedrà il nostro Paese tornare a mobilitarsi davanti agli schermi per ritrovare quello spirito unitario rinnovato ogni paio d’anni dalle grandi manifestazioni calcistiche. L’Italia scenderà in campo alle 21 contro il Belgio in quella che dovrebbe essere la sfida più dura di questo girone eliminatorio di Euro 2016 ed è chiamata subito, aldilà del risultato finale, ad una prova convincente che possa indurre i tifosi alla speranza in vista del futuro. Finora la competizione non ha offerto particolari sorprese per le tradizionali big ad eccezione del pareggio dell’Inghilterra ma è anche vero che forse una sfida del livello di questo Italia-Belgio non si è ancora vista. Ne era convinto anche Antonio Conte ieri sera quando ha spiegato: “Quella di domani tra noi e il Belgio sarà una delle partite più interessanti della fase iniziale dell’Europeo. Abbiamo lavorato bene e sono contento. Ci auguriamo che sia una bella partita, con 46 guerrieri, per usare le parole di Wilmots“. Proprio il collega infatti non aveva voluto sottovalutare gli Azzurri dicendo a sua volta: “Questa è l’Italia peggiore degli ultimi anni? No, è ancora più pericolosa perchè Conte ha potuto preparare una squadra di guerrieri“. Determinazione italiana contro puro talento belga: ecco come si presenta questo esordio decisamente incerto ed affascinante per la squadra di Conte.

Candreva trasforma il rigore dell'1-0 (ph. zimbio)

Antonio Candreva sarà un’arma tattica fondamentale per l’Italia (ph. Zimbio)

Nel corso della conferenza stampa non sono stati dati indizi sulla probabile formazione che scenderà in campo stasera ma la sensazione ormai diffusa da diversi giorni vede una conferma del 3-5-2 lasciando l’opzione più offensiva a gare contro avversari meno temibili. In particolare il pieno recupero di Darmian ha regalato all’Italia un esterno perfetto per il ruolo mentre Eder dovrebbe essere il partner offensivo di Pellè nonostante i tentativi di collaborazione tra il centravanti del Southampton ed lo juventino Zaza. Ancora Wilmots, a proposito proprio della disposizione tattica dell’Italia: “Non chiedetemi l’undici titolare ma se l’Italia presenterà un 3-5-2 dovremo comportarci in un modo, altrimenti in un altro. Se attacca Candreva ad esempio dovremo capire come contrastarlo. Allo stesso tempo poi dobbiamo mettere in difficoltà la loro difesa“. La storia parla a favore degli Azzurri con 13 vittorie su 21 precedenti e 41 gol fatti contro 24 subiti ma l’ultimo precedente del 2015 è un netto 1-3 in favore del Belgio che ha così vendicato il medesimo risultato a parti invertite conseguito dall’Italia nel 2008. Da non sottovalutare le difficoltà dimostrate dall’Italia nelle gare d’esordio degli ultimi Europei visto che l’ultima vittoria al primo tentativo risale al 2000 contro la Turchia.

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, De Rossi, Giaccherini, Darmian; Pellè, Éder
BELGIO (4-2-3-1): Courtois; Alderweireld, Danayer, Vermaelen, Vertonghen; Nainggolan, Witsel; Hazard, De Bruyne, Mertens; Lukaku

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *