Oikonomou: “Abbiamo un’identità, non dobbiamo cambiare”


A due giorni dalla gara di Brescia parla Marios Oikonomou che con le sue parole intende rasserenare tutto l’ambiente rossoblù a otto giornate dal traguardo

– di Marco Vigarani –

Marios Oikonomou in conferenza stampa

Marios Oikonomou in conferenza stampa

Tornato protagonista in campo dopo un periodo in panchina, si presenta di nuovo davanti ai media Marios Oikonomou per raccontare le sue sensazioni sulla fase finale della stagione. Il primo pensiero del difensore greco è per il prossimo avversario: “Ogni squadra ha sempre delle motivazioni per scendere in campo – spiega – noi vogliamo la Serie A e il Brescia vuole salvarsi anche perché visto il gioco che esprime credo che non meriti la posizione che ha in classifica. Non andiamo però là per accontentarci di un punto ma vogliamo vincere a maggior ragione dopo la sconfitta pesante che ci ha inflitto il Carpi che ci ha lasciato molta rabbia“. Il ragazzo voluto da Lopez dopo un anno insieme a Cagliari prosegue quindi ampliando lo sguardo sulla stagione dei rossoblù: “Questo Bologna ha un’identità precisa che abbiamo cercato sin dal ritiro e che ora finalmente si nota. Per questo motivo, anche se magari facciamo pochi gol, credo che non ci sia niente da cambiare nel nostro lavoro a maggior ragione visto che per carattere sono una persona prudente. Vogliamo raggiungere la Serie A ma per farlo credo che dobbiamo solo fare sempre quello che proviamo in settimana, guardare ad una partita per volta e restare concentrati sempre fino al 90esimo dando tutto quello che abbiamo“.

La chiacchierata con Oikonomou torna poi sul suo ritorno in campo condito dal gol a proposito del quale egli stesso rivela: “È arrivato dopo due errori del Livorno ma era importante che io fossi lì ad approfittarne perché credo che da quel gol sia cambiato tutto per noi. Andare in vantaggio ci ha permesso di tirare fuori il nostro carattere“. Diventa inevitabile quindi parlare del periodo dell’esclusione e del nuovo modulo che lo vede protagonista con Maietta e Gastaldello: “Quando è arrivato Gastaldello – dice Oikonomou – ho guardato al lato positivo ovvero a quanto potessi imparare da un difensore con 500 partite in A alle spalle. Lui e Maietta hanno una grande esperienza e spesso fanno le cose ancora prima che io riesca a pensarle. Mi trovo benissimo a giocare con loro, possiamo interpretare bene anche il modulo con la difesa a tre ed anzi credo che ora stiamo anche iniziando a trovare più spazi“. L’ultima battuta con il centrale greco riguarda il futuro a proposito del quale spiega: “Non guardo al contratto e all’ingaggio ora ma semplicemente penso a finire bene quest’anno che è importantissimo sia per me che per il Bologna“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *