Ora è ufficiale: Mattia Destro al Bologna


Il Bologna ha ufficializzato l’arrivo di Mattia Destro dalla Roma. L’attaccante 24enne è la stella del mercato rossoblù firmato Corvino: ecco la sua carriera 

– di Marco Vigarani –

Gol all'esordio per Destro al Genoa (ph. Zimbio)

Gol all’esordio per Destro al Genoa (ph. Zimbio)

Fino ad un mese fa sembrava impossibile anche solo immaginare che Mattia Destro potesse vestire la maglia del Bologna. Eppure da oggi l’attaccante nativo di Ascoli Piceno è ufficialmente un nuovo giocatore della rosa a disposizione di Delio Rossi e rappresenta la stella di una sessione di calciomercato finora deludente che sembra detinata a rianimarsi nelle ultime giornate. Dopo quasi tre estenuanti settimane di trattative serrate tra Corvino, Sabatini, Fenucci e Vigorelli e qualche giorno per le pratiche burocratiche gli sforzi dei dirigenti felsinei sono stati premiati ed il club ha annunciato poco fa con una nota ufficiale che: “Il Bologna Fc 1909 comunica di avere acquisito dalla AS Roma il diritto alle prestazioni sportive dell’attaccante Mattia Destro a titolo definitivo“. La Roma a sua volta specifica che “Destro è stato ceduto al club rossoblù per un corrispettivo di 6,5 milioni di euro. L’accordo prevede altresì il pagamento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 5 milioni di euro, di cui 2 milioni di euro riconosciuti alla prima presenza del calciatore in gare ufficiali, e il residuo per bonus legati al raggiungimento da parte del Bologna e del calciatore di determinati obiettivi sportivi e di mercato“.

Destro è stato protagonista con il Siena (ph. Zimbio)

Destro è stato protagonista con il Siena nel 2011/12 (ph. Zimbio)

Nato ad Ascoli il 20 marzo 1991, Destro si forma calcisticamente nella sua città natale prima di essere notato ed acquistato dall’Inter nel 2005 mietendo successi a tutti i livelli dai Giovanissimi fino alla Primavera senza però riuscire mai ad esordire in prima squadra a differenza di altri compagni come Obi o Santon nonostante il titolo di capocannoniere conquistato nel 2009/10. Nell’estate successiva avviene quindi il suo passaggio in prestito al Genoa, club con il quale centra l’obiettivo del gol all’esordio nella massima categoria il 12 settembre 2010 tre giorni dopo la “prima” con l’Italia Under 21 ottenendo poi un discreto spazio nelle rotazioni e venendo riscattato interamente a fine stagione. Dall’anno successivo poi Destro diventa un giocatore del Siena e si conferma come uno dei maggiori talenti offensivi italiani con una stagione da 13 reti in 32 presenze che lo porta anche ad entrare nell’elenco dei preconvocati per l’Europeo 2012.

Destro a Bologna punta alla conferma in Azzurro  (ph. Zimbio)

Destro a Bologna punta alla conferma in Azzurro (ph. Zimbio)

Nella stessa estate, realizzata la sua prima rete in Azzurro, Destro passa alla Roma che gli fa firmare un contratto quinquiennale accontentando le richieste di Genoa e Siena con una valutazione complessiva di 19 milioni di euro. L’impatto con la nuova realtà però per lui non è facile e, complice anche un infortunio, la punta si ritaglia spazio soprattutto in Coppa Italia siglando cinque reti decisive (capocannoniere del torneo) per l’approdo alla finale poi persa e concludendo il primo anno in giallorosso comunque in doppia cifra. Nonostante la buona vena realizzativa dimostrata, l’anno successivo per lui lo spazio si riduce ulteriormente ma con esso non lo fame di gol del ragazzo che chiude il 2013/14 con l’incredibile media di una rete ogni 93 minuti disputati in Serie A (13 in 20 presenze). Essere uno degli attaccanti più prolifici d’Europa però non basta ancora a Destro per ottenere la giusta fiducia e considerazione da parte della Roma che, dopo altri tre mesi da comprimario, lo manda in prestito al Milan dove non ha migliore fortuna.

Oggi Mattia Destro, con una carriera alle spalle che lo accredita di 48 gol in 133 presenze in cinque stagioni da professionista, arriva a Bologna per essere finalmente protagonista come gli è accaduto soltanto nell’annata di Siena. Delio Rossi, pur avendo già concluso la fase del ritiro ed anche ormai quella del precampionato, nelle prossime settimane lavorerà comunque per mettere i compagni al suo servizio ed aiutarlo nel percorso verso la definitiva esplosione e magari anche verso un ruolo importante in Nazionale in vista degli Europei del 2016.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *