Ora parla Calleri: “Deluso da Inter e Bologna”


In procinto di iniziare la sua nuova avventura al San Paolo, Jonathan Calleri parla dell’intenso mese di mercato che l’ha visto protagonista senza poter però sbarcare in Italia

– di Marco Vigarani –

Il Bologna ha chiesto all'Inter il prestito di Calleri (ph. Taringa)

Niente Bologna nè Inter per Calleri: per i prossimi sei mesi giocherà nel San Paolo (ph. Taringa)

In Argentina il suo nome è già paragonato a quello dei grandissimi, c’è la consapevolezza che un talento come Jonathan Calleri può solo autodistruggersi per non seguire le orme di Messi o Aguero diventando uno dei più letali attaccanti del pianeta. Il soprannome “killer” dice tanto dell’istinto realizzativo di un ragazzo nato solo nel 1993 ma già capace di collezionare 84 gare e 27 gol da professionista: il suo destino però è stato davvero un mistero per quasi un mese. Dato a lungo in procinto di sbarcare in Italia e più precisamente proprio al Bologna in una sinergia più o meno palese con l’Inter, Calleri ha pagato sulla sua pelle il rischio legato alle implicazioni con i fondi di interesse che hanno scoraggiato i potenziali acquirenti italiani ma ora, prima di iniziare la sua nuova avventura semestrale al San Paolo, ha voluto esporre il suo pensiero. “Sono state dette molte cose – ha spiegato – ma la verità è che il mio desiderio è sempre stato quello di continuare a giocare per il Boca. Ne avevo parlato con il presidente Angelici e con mister Arruabarrena: volevo restare per altri sei mesi e giocare la Libertadores ma alla fine ho dovuto accettare di andare in un altro club. Non avevo manifestato alcun problema a giocarmi il posto con Tevez ed Osvaldo ed anzi credo che insieme sapranno dare grandi soddisfazioni ai tifosi del Boca. Ora sono qui e sono contento però non nego che ho avuto la possibilità di andare in Europa, mi hanno cercato Inter e Bologna ed ero davvero affascinato dall’idea. Ci speravo ed ora sono deluso ma sono successe tante cose ed alla fine le trattative non sono andate in porto“. C’è da ricordare come l’argentino Calleri fosse un nome importante sia per il presente che per il futuro sulla lista del ds felsineo Corvino ma non su quella di mister Donadoni che come unico rinforzo per l’attacco ha sempre chiesto l’esperto Floccari. Alla luce delle difficoltà emerse nella trattativa e dell’impossibilità di garantire al ragazzo un posto da protagonista nella rosa, il Bologna si è quindi tirato indietro.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *