Anche Oronzo Canà è in lizza per una panchina… Un premio per Banfi


Lino Banfi, riceverà ad Amalfi, l’ambito diploma di allenatore ad honorem per aver interpretato Oronzo Canà nei film “L’allenatore nel pallone”

di Piero Giannico

oronzo cana'C’è anche Oronzo Canà candidato ad allenare in Serie A nella prossima stagione. Si, proprio lui, il ‘vate della Daunia’, l’inventore della bizona, l’inimitabile 5-5-5, che lo ha reso celebre in tutto il mondo alla guida della Longobarda nei film “L’allenatore nel pallone”.

Ma questa volta non si tratta di una finzione cinematografica perchè Lino Banfi, riceverà ad Amalfi il diploma di allenatore ad honorem per “aver rappresentato, interpretando proprio Oronzo Canà, vizi e virtù del calcio italiano”.

In occasione di Football Leader, Renzo Ulivieri, presidente di Assoallenatori, consegnerà all’attore pugliese il tesserino di allenatore, visto che, nei film “L’allenatore nel pallone” e “L’allenatore nel pallone 2” ha “interpretato in modo ironico, divertente e passionale il ruolo di trainer di una squadra di calcio, non solo guida tecnica di una squadra, ma gestore di uomini e di stati d’animo”.

Oronzo Canà, durante una scena del film "l'allenatore nel pallone" prova ad ispirarsi al Niels Liedholm

Oronzo Canà, durante una scena del film “l’allenatore nel pallone” prova ad ispirarsi al Nils Liedholm

Nelle motivazioni per l’assegnazione dell’ambito premio si legge anche che “nelle due pellicole Canà-Banfi è stato strepitoso nell’esprimere, utilizzando il registro della comicità, il ruolo unico ricoperto dagli allenatori di calcio: punto d’incontro tra i capricci dei calciatori, imposizioni dei dirigenti, domande dei giornalisti e aspettative dei tifosi. Dal calciomercato al ritiro precampionato, dalla saudade dei giocatori brasiliani alla passerella di riti e scaramanzie, dalle esaltazioni della folla alle contestazioni del pubblico sino alle interviste nel dopo partita:  Oronzo Canà è il mister per eccellenza, l’uomo che con una tenera purezza crede nel calcio pulito, al netto delle sue eccentriche ed intramontabili escandescenze. Non è un caso che l’Allenatore del Pallone è un cult movie e non solo per le sane e molteplici risate che sa suscitare”.

 

Lui che si ispirava alle teorie del maestro Liedholm, che sognava al debutto in A di allenare Rummenigge e Platini e invece colse la salvezza con i gol di Aristoteles e portato in trionfo dai tifosi. Il sequel, “L’allenatore nel pallone 2” 24 anni dopo fu ancora un grande successo.

Il premio verrà consegnato in occasione di Football Leader 2014, in programma il 3, 4 e 5 giugno al Grand Hotel Il Saraceno di Amalfi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *