Osvaldo, ci risiamo: nervi saltati e addio Inter


Pablo Osvaldo e l’Inter sono separati in casa. L’italo-argentino si allena a parte in attesa di multa e ricollocazione. Per l’attaccante non si tratta del primo episodio di insubordinazione

– di Massimo Righi –

Pablo Osvaldo con la maglia della Roma (ph Zimbio)

Pablo Osvaldo con la maglia della Roma (ph Zimbio)

Non trova pace Pablo Osvaldo. In seguito al tentativo di aggressione ai danni del compagno di squadra Icardi, reo di non avergli passato il pallone trovandosi in posizione favorevole durante la partita contro la Juventus, ieri l’ex attaccante della Roma si è allenato da solo in attesa di conoscere che tipo di multa dovrà pagare. Osvaldo continuerà ad allenarsi in solitaria anche nei prossimi giorni e sarà seguito in questo da uno dei preparatori atletici dell’Inter. Inoltre, pare che la sua convocazione in vista della partita di domenica contro il Genoa sia da escludersi. Si va così profilando una dipartita dall’Inter che non ha perdonato il gesto dell’attaccante.

Ma non è la prima volta che l’attaccante italo-argentino si ritrova ai ferri corri con la società per cui gioca. Sin dai tempi di Bologna, Osvaldo aveva fatto parlare di sé per via del proprio carattere burrascoso. Nel ritiro estivo infatti, si prese a pugni con Mingazzini con relativa cena di scuse offerta alla squadra, dopodiché in campionato dopo un gol segnato al Siena, andò ad esultare polemicamente sotto la tribuna, zittendo qualche contestatore. Visto anche il poco idilliaco rapporto con mister Colomba, venne ceduto nella Liga. Dopo la tranquilla parentesi all’Espanyol, lo acquistò la Roma, anche nella Capitale però, dopo un periodo di serenità, Osvaldo salì alla ribalta per alcune discussioni avute con la tifoseria ma soprattutto con il tecnico Andreazzoli. I capitolini lo cedettero così al Southampton in Premier League, ma il suo temperamento tornò a costargli caro. Prima venne punito per aver partecipato ad una rissa scoppiata in campo in campionato, poi si rese protagonista di una scazzottata con il compagno di squadra Fonte che gli valse una sospensione. Rientrato in Italia con la maglia della Juve, ha giocato sei mesi segnando il suo unico gol proprio contro la Roma con relativa polemica contro i suoi ex tifosi inscenata durante l’esultanza. In agosto Osvaldo è poi passato all’Inter ma anche a Milano, l’argentino non ha saputo tenere a bada i nervi.

Quale futuro per Osvaldo? Facile, se non scontata, la sua partenza dall’Inter. Attorno a lui si potrebbe aprire un’asta di mercato. In Italia, il Torino di Ventura si sarebbe già messo avanti coi lavori per fare in modo di ottenere il giocatore che tanto piace al tecnico granata, anche se il corteggiamento del Boca Juniors (che persiste da un mese) potrebbe fare considerare al giocatore il ritorno in Argentina. Non è escluso che su Osvaldo si fiondino presto altre squadre, soprattutto italiane, che potrebbero richiederlo all’Inter scatenando una bagarre per accaparrarselo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *