Palencia, maglia da horror: “La più sconvolgente della storia”


Il Palencia, piccolo club di Terza Divisione spagnola, ha presentato la maglia per i play-off: ossa e muscoli riprodotti fedelmente, tutto il mondo ne parla

– di Luigi Polce –

La nuova maglia del Palencia (ph. ultimenotizieblog)

La nuova maglia del Palencia (ph. ultimenotizieblog)

Alzi la mano chi conosce il Club Deportivo Palencia Balompié. Probabilmente nessuno, almeno fino a ieri, quando il piccolo club di Terza Divisione spagnola ha deciso di scioccare il mondo presentando le nuove divise che verranno utilizzate durante i play-off per accedere in Segunda Division. La maglia, prodotta dall’azienda italiana Kappa, è stata mostrata tramite un comunicato diramato ai media spagnoli, in cui lo stesso club la definisce come “la più sconvolgente della storia del calcio”: mai definizione fu più azzeccata. Basta guardare le immagini della presentazione, postate anche su Twitter, per farsi un’idea: colore “corpo umano”, tra il rosa e il fucsia. Ma sin qui nulla di così eclatante, visto che ormai i club sembrano fare la gara a chi sceglie la tonalità più bizzarra per la propria casacca. Il particolare della divisa che fa davvero scalpore è un altro: ossa e muscoli sono riprodotti alla perfezione su maglietta e pantaloncini, roba più da film horror che da partita di pallone, con un richiamo al body integrale che Mario Cipollini indossò nella crono di apertura del Giro d’Italia del 2001, nel quale appunto erano rappresentate tutte le fasce muscolari. La netta impressione, comunque, è che quella del Palencia rischia seriamente di iscriversi al poco prestigioso club delle maglie più brutte della storia del calcio. Se volevano far parlare il mondo, beh, l’effetto non si può dire non riuscito. Resta da vedere come i tifosi prenderanno questa insolita scelta, e soprattutto se le divise avranno almeno la capacità di ‘impressionare’ gli avversari nella corsa verso la promozione in Segunda B. Il motto del Palencia, d’altronde, è “Nos Dejamos La Piel”, “Noi diamo la pelle”. E a giudicare dalle nuove magliette, pare proprio che lo abbiano preso alla lettera…

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *