Pali e Destro: il Bologna sbanca Udine


Il Bologna sbanca Udine con la prima rete in trasferta di Destro. Decisivo l’ingresso di Floccari ma da Costa ringrazia ancora una volta anche i pali

– di Marco Vigarani –

Mounier ha colpito un palo su deviazione di Danilo (ph. La Presse)

Mounier ha colpito un palo su deviazione di Danilo (ph. La Presse)

Nuova trasferta importante per un Bologna che deve andare a caccia di continuità dopo il pareggio interno con la Fiorentina: alla rinnovata Dacia Arena i rossoblù cercano punti contro l’Udinese, compagine dall’andamento a dir poco altalenante. Donadoni sceglie l’esperienza di Maietta al centro della difesa insieme a Gastaldello mentre sugli esterni stupiscono la conferma di Mbaye e la preferenza accordata a Morleo al posto di Masina, giunto alla seconda esclusione in tre giornate. Colantuono invece si affida a Hertaux dietro con Kuzmanovic e Halfredsson interni di mediana e Matos come partner offensivo di Thereau. La prima occasione è di marca bianconera con Morleo bravo ad eseguire la diagonale anticipando Kuzmanovic nell’area piccola mentre bisogna attendere quasi il primo quarto d’ora per un acuto rossoblù grazie ad una punizione piuttosto telefonata di Destro dal limite. Poco dopo Donsah non trova il tempo giusto per battere a rete nel cuore dell’area avversaria, espressione di un buon Bologna che appare concentrato anche se poco preciso nell’ultimo passaggio. Al 22′ arriva anche un palo colpito da Mounier con una deviazione decisiva di Danilo mentre poco dopo ancora Donsah non trova la porta con un’incornata a colpo sicuro. Partita vivace con l’Udinese che risponde con un colpo di testa deviato da Da Costa sul palo prima che Mbaye salvi sulla linea la ribattuta di Armero e successivamente con un colpo di testa leggermente impreciso di Thereau. Bologna in progressiva crisi sulla destra a causa della svagatezza di Mbaye e che subisce la crescita degli avversari ma chiude comunque la prima frazione sullo 0-0.

Il Bologna ringrazia Destro, al suo primo gol in trasferta (ph. Zimbio)

Il Bologna ringrazia Destro, al suo primo gol in trasferta (ph. Zimbio)

Nessun cambio in avvio di ripresa ma Donadoni attende una manciata di minuti e procede alla prima sostituzione inserendo Rizzo al posto di Mounier cercando di rivitalizzare l’attacco del Bologna. Colantuono risponde cambiando Matos con Zapata, killer della gara d’andata al Dall’Ara, per poi dare spazio anche a Bruno Fernandes al posto di Kuzmanovic. I padroni di casa si scuotono con qualche cross pericoloso, costruiscono un paio di grandi occasioni con Thereau ed allora anche Donadoni rinforza l’attacco scegliendo Floccari per Donsah e posizionando l’ex Sassuolo esterno sinistro. La girandola di cambi prosegue con l’ingresso di Di Natale per Thereau ma è il Bologna a passare in vantaggio a sorpresa all’80esimo. Grande sponda di Floccari, azione insistita di Destro che cerca la finta e trova ostinatamente lo spazio per il tiro insaccando la palla in fondo alla rete festeggiando insieme ai più di mille sostenitori rossoblù. Negli istanti successivi è poi Da Costa a sigillare il vantaggio con un paio di interventi decisivi poi torna protagonista il palo a salvare il Bologna su colpo di testa di Felipe. Destro poi, toccato duro dagli avversari, lascia il campo per Brighi ma è ancora l’Udinese protagonista nel finale con una bella azione di Zapata che, svincolandosi da Mbaye, conclude poi di poco a lato con un potente diagonale l’ultima opportunità per i padroni di casa.

Vittoria fondamentale per il Bologna che magari non merita al 100% il punteggio pieno ma esce dal campo dopo una prestazione solida di grande cuore e determinazione. Sono queste le partite che fanno la differenza tra una stagione anonima ed una in cui l’ambizione può guidare una squadra fino all’ultimo minuto: potersi accontentare di un pareggio e prendersi una vittoria è sintomo di grande salute mentale prima ancora che fisica. I pali salvano ancora una volta Da Costa, Destro si sblocca finalmente anche in trasferta e la classifica ora recita 33 punti e sorride sempre si più agli uomini di Donadoni. Ora l’attesa si sposta tutta su venerdì prossimo per una sfida alla Juventus neo capolista che, in caso di vittoria felsinea, diventerebbe la più classica ciliegina sulla torta.

UDINESE-BOLOGNA 0-1
Udinese (3-5-2): Karnezis; Heurtaux, Danilo, Felipe; Edenilson, Kuzmanovic (19′ st Fernandes), Lodi, Halfredsson, Armero; Thereau (31′ st Di Natale), Matos (13′ st Zapata). A disp.: Meret, Romo, Piris, Coppolaro, Balic, Widmer, Adnan, Guilherme, Perica. All.: Colantuono
Bologna (4-3-3): Da Costa; Mbaye, Maietta, Gastaldello, Morleo; Donsah (29′ st Floccari), Diawara, Taider; Mounier (9′ st Rizzo), Destro (44′ st Brighi), Giaccherini. A disp.: Stojanovic, Sarr, Ferrari, Zuniga, Masina, Constant, Oikonomou, Crisetig, Brienza. All.: Donadoni
Arbitro: Russo
Marcatori: 34′ st Destro (B)
Ammoniti: Gastaldello (B)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *