Palle perse decisive, Dzemaili è il perno del Bologna


Ben 46 palle perse condannano la Sampdoria contro un Bologna più attento che ha trovato in Dzemaili il nuovo leader della mediana

– di Marco Vigarani –

Krejci (ph. Zimbio)

Ladislav Krejci ha piazzato 2 assist su 6 cross tentati (ph. Zimbio)

Dopo una notte di sogni dolcissimi per i colori rossoblù, arriva il momento di tornare con i piedi per terra ed esaminare le statistiche della gara contro la Sampdoria per scoprire le tante luci ed anche qualche ombra del successo che ha proiettato il Bologna al quarto posto come punteggio in classifica. Eppure i blucerchiati hanno chiuso con un possesso palla al 55% dopo aver ampiamente comandato le operazioni nella prima mezzora ed ottenuto un numero di opportunità praticamente identico ai rossoblù di Donadoni: parità nelle occasioni da gol (7) e nei tiri in porta (5) ma anche 9 conclusioni complessive contro 10 dei padroni di casa. Il calcio però non è fatto solo di tiri e gol ed ecco che allora il saldo tra palle perse e recuperate assume un valore fondamentale nello spiegare il risultato finale visto che la Sampdoria ha perso ben 46 palloni recuperandone appena 18 mentre invece il Bologna ha saldato con 27 recuperi i 26 errori commessi. Un altro dato importante arriva dalle distanze percorse dalle due squadre con i ragazzi di Giampaolo primo avversario stagionale a chiudere sotto i 100 km complessivi: solo 97.82 contro i 104.57 dei felsinei. A testimonianza di una gara comunque non da buttare per i liguri arrivano però i dati su baricentro e lunghezza media, entrambi migliori rispetto al Bologna nonostante l’inferiorità numerica durata per oltre 20 minuti.

Le statistiche di Bologna-Sampdoria offerte dalla Lega Serie A

Le statistiche di Bologna-Sampdoria offerte dalla Lega Serie A

Dzemaili (ph. Zimbio)

Blerim Dzemaili sempre più protagonista con la maglia del Bologna (ph. Zimbio)

Guardiamo quindi le prestazioni dei singoli atleti per notare che la punta più insidiosa è stata teoricamente il colombiano Muriel con 3 tiri in porta ma anche che il rossoblù Dzemaili continua a cercare con una certa continuità fortuna in attacco avendo collezionato altri due tiri pur non trovando la porta di Viviano. Se entrambe le marcature felsinee arrivano da assist di Krejci non è un caso visto che l’esterno ceco è risultato essere il migliore in fatto di cross tentati (6) seguito dal belga Praet (4). Si parlava però della differenza tra palle perse e recuperate come di un fattore determinante della gara ed ecco allora che i 9 palloni sprecati da Linetty hanno un peso importante a maggior ragione visto che Muriel e Regini ne hanno aggiunti altri 6 ciascuno. Il peggiore da questo punti di vista per il Bologna è stato Verdi (6 palle perse anche per lui) al quale però si può facilmente perdonare qualcosa vista la bellezza disarmante della rete che ha sbloccato l’incontro. Se c’è un uomo che sta entrando giorno dopo giorno sempre più nel cuore della manovra di Donadoni è sicuramente lo svizzero Dzemaili che ieri ha chiuso la gara con ben 6 palloni recuperati e 3 falli fatti, statistiche di tenore diverso ma che ne testimoniano il perenne coinvolgimento. E se i tre centrocampisti del Bologna sono stati gli atleti a percorrere in assoluto più km non può essere un caso: 11.19 per Taider, 10.79 per Nagy e 10.75 appunto per Dzemaili.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *