Pescara-Bologna, le voci dei protagonisti


Dopo il buon pareggio colto sul campo del Pescara, nel post partita per il Bologna hanno parlato l’amministratore delegato Fenucci, mister Rossi e i giocatori Da Costa e Casarini

– di Massimo Righi –

Fenucci, amministratore delegato del Bologna (ph bolognafc.it)

Fenucci, amministratore delegato del Bologna (ph bolognafc.it)

In mixed zone al termine della partita, il primo a parlare alla stampa è stato l’ad rossoblù Claudio Fenucci: “È un buon risultato, ora occorre rimanere concentrati in vista di martedì. Abbiamo sofferto nel primo tempo più che nel secondo, ad ogni modo avevamo patito di più il ritorno in casa contro l’Avellino. Il pari tutto sommato è il risultato giusto, anche perché nella ripresa abbiamo creato qualcosa anche noi. Nella prossima partita c’è il rischio di vedere due squadre stanche e avrà la meglio chi avrà più energie. Gli infortuni? Li valuteremo, ma nel caso abbiamo dei sostituti all’altezza della situazione. Martedì i nostri tifosi saranno in tanti al nostro fianco e ci daranno una mano: sono eccezionali e saranno il 12° uomo”.
Dopodiché mister Rossi: “Abbiamo sbagliato molti disimpegni nel primo tempo e così facendo abbiamo concesso loro diverse ripartenze: dobbiamo senza dubbio fare meglio entrambe le fasi. Nel secondo tempo siamo stati più bravi, abbiamo preso maggiore confidenza con la palla e siamo riusciti a fare appoggi migliori in avanti. Matuzalem? Ha fatto un’ottima partita, peccato si sia fatto male ma è normale quando si gioca con questa frequenza. Bessa? Ha avuto un buon approccio alla gara, solo che ogni tanto si isola dal gioco. Martedì serve avere un approccio diverso rispetto alla scorsa partita con l’Avellino altrimenti si rischia grosso. Gli acciacchi? Vedremo domani di valutarli opportunamente, ora non possiamo dire granché a riguardo. Mancosu? Mi dispiace per lui, si batte molto e ci tiene un sacco a segnare, ma con questa costanza sono sicuro che prima o poi arriverà a segnare”.

Angelo Da Costa è uscito imbattuto dalla sfida dell'Adriatico

Angelo Da Costa è uscito imbattuto dalla sfida dell’Adriatico

In mixed zone ha parlato il portiere Angelo Da Costa: “Ripartiamo dal buon secondo tempo fatto. Io migliore in campo? Ho fatto qualche buon intervento. Abbiamo rischiato in qualche frangente, dobbiamo migliorare per non rischiare su certi palloni. Credo che la squadra abbia fatto bene creando qualche occasione, soprattutto quando ci siamo riorganizzati nella ripresa. Queste gare sono toste, serve lottare con il cuore e affrontarle in questo modo. Abbiamo due risultati su tre? È vero ma questo non ci deve condizionare, dobbiamo pensare a vincere anche se sarà dura perché loro sono forti“. Infine, le affermazioni di Casarini : “Siamo stati bravi a reggere e ripartire, davanti dobbiamo cercare di concretizzare anche se gli attaccanti ci hanno dato una grossa mano in fase difensiva. Dobbiamo cercare di fare meglio ma ci teniamo stretto questo risultato positivo e non pensiamo al fatto che abbiamo due risultati su tre a disposizione. Forse non siamo belli a vedersi ma abbiamo dimostrato cuore e voglia in questi playoff che sono durissimi, dove occorre stare compatti per raggiungere il risultato che vogliamo. Il rigore per noi? C’era il braccio largo sul cross ma l’arbitro ha preso questa decisione anche se non si capisce il motivo. Peraltro la palla andava in porta…Per quanto mi riguarda invece, su un loro cross la palla è finita sul mio braccio ma era molto vicina e io avevo il braccio attaccato al corpo, dipende da come l’arbitro interpreta il regolamento. Per me si è trattato di azioni diverse che dovevano portare a decisioni diverse. Appelli ai tifosi per martedì? Non ce n’è bisogno perché sono certo che riempiranno lo stadio e saranno il 12° uomo”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *