Play-off serie B, saranno Trapani e Pescara a giocarsi la serie A


Eliminate Spezia e Novara, saranno Trapani e Pescara a giocarsi la doppia finale play-off per accedere alla prossima serie A

– di Luigi Polce –

Trapani e Pescara: questi i nomi delle due squadre destinate a giocarsi l’ultimo posto disponibile per accedere alla Serie A 2016/17, nella doppia finale play-off in programma il 5 (in Abruzzo) e il 9 giugno (in Sicilia) che promette assoluto spettacolo. Si affronteranno due compagini in salute e con le motivazioni a mille, alla caccia di un traguardo prestigiosissimo.

Trapani in festa dopo il successo sullo Spezia (ph. picenotime)

Trapani in festa dopo il successo sullo Spezia (ph. picenotime)

I siciliani di Serse Cosmi si sono sbarazzati dello Spezia in semifinale, confermando i pronostici della vigilia: dopo l’1-0 in terra ligure, il Trapani ha bissato il successo con un netto 2-0, nonostante gli ospiti avessero interpretato la gara con l’atteggiamento giusto di chi sperava nell’impresa. I ragazzi di Di Carlo hanno avuto diverse occasioni per riaprire il discorso finale, tutto però è cambiato quando un’uscita avventata di Chichizola ha regalato un rigore al Trapani, con Scozzarella che con freddezza dal dischetto ha realizzato al minuto 58 per la gioia del Provinciale. Il raddoppio è opera invece di Citro, subentrato nella ripresa a Coronado e in gol proprio allo scadere a sigillare una prestazione di livello, che non può non mettere apprensione al Pescara (considerando anche il vantaggio in classifica dei siciliani, arrivati terzi nella regular season).

Ancora in gol Lapadula, salito a quota 29 centri stagionali (ph. gazzetta)

Ancora in gol Lapadula, salito a quota 29 centri stagionali (ph. gazzetta)

Gol e spettacolo anche per il Pescara nel ritorno della sfida contro il Novara dell’ex Baroni. Davanti a oltre 17mila spettatori, i biancazzurri (dopo il 2-0 dell’andata) sono andati a segno dopo nemmeno 2′ grazie all’infinito Lapadula, ottimamente servito da Pasquato: sempre lui, ancora lui, e siamo a quota 29 reti stagionali (senza nemmeno un calcio di rigore). E proprio Pasquato, ben imbeccato da Benali, ha raddoppiato al 34′ (prima rete stagionale) chiudendo la pratica già nella prima frazione di gioco. Il Novara non ci sta, tira fuori l’orgoglio e tenta la disperata rimonta, sulla scia di quanto fatto a Bari nel turno preliminare. La stessa però si ferma a metà, fino al 2-2, prima della doppietta di Verde che rimette le cose a posto per la banda Oddo, chiamato adesso a giocarsi un’altra finale play-off appena un anno dopo quella maledetta persa contro il Bologna. Per andare in serie A, proprio come una stagione fa, servirà vincere almeno una delle due partite e non perdere l’altra, l’obiettivo è alla portata dei biancazzurri i quali però hanno più pressione sulle spalle rispetto all’avversario, come ammesso dallo stesso tecnico Oddo a fine partita: “Se non andiamo in serie A non abbiamo fatto niente. Siamo a due passi da un sogno, siamo belli convinti di poter fare due grandi partite”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *