Playoff al cardiopalma, solo la Croazia è quasi al Mondiale


Dopo le gare d’andata restano in bilico tre qualificazioni su quattro. Vittorie di misura per Svezia e Svizzera, pari Danimarca-Irlanda. Solo la Croazia ha la strada spianata

– di Marco Vigarani –

L’esultanza della Croazia, unica squadra capace di indirizzare il playoff già dopo la gara d’andata (ph. Zimbio)

La strada per il Mondiale è ancora lunga e per sei Nazionali ci saranno ancora 90′ più recupero in cui lottare su ogni singolo pallone per non rinunciare al sogno di una vita. I playoff del girone europeo infatti si sono rivelati equilibrati ed incerti oltre ogni aspettativa e dopo le gare d’andata ben tre spareggi sono ancora apertissimi. Ieri sera è arrivato l’unico pareggio nella sfida certamente non spettacolare tra Danimarca ed Irlanda con i padroni di casa più pericolosi ed incisivi ma gli uomini di O’Neill bravissimi a chiudere gli spazi portando un prezioso 0-0 fino al triplice fischio finale. Tutto si deciderà ora in Irlanda martedì prossimo.

Hanno invece ottenuto importanti successi di misura sia Svezia che Svizzera. Gli scandinavi hanno battuto l’Italia al termine di una gara spigolosa ed esteticamente poco gradevole decisa da un tiro di Johansson che si è infilato in rete dopo una deviazione fortuita quanto decisiva. Il verdetto è rimandato a lunedì a Milano. Gli elvetici a loro volta hanno avuto la meglio sull’Irlanda del Nord soltanto grazie ad un calcio di rigore trasformato dal milanista Rodriguez e questa sera avranno la possibilità di difendere questo prezioso risultato tra le mura amiche del St. Jakob-Park di Basilea.

In programma oggi anche l’unica sfida di ritorno forse inutile visto che la Croazia ha già un piede e mezzo in Russia dopo aver annientato la Grecia vincendo 4-1 la gara d’andata. Le reti messe a segno da Modric, Kalinic, Perisic e Kramaric hanno vanificato quella del centrale Papastathopoulos e gli ellenici, pur potendo contare sul gol realizzato in trasferta, dovrebbero compiere un vero e proprio miracolo per ribaltare la situazione.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *