Post partita, le statistiche di Bologna-Pescara


I numeri dell’ultima sfida dei playoff di serie B, mostrano come il Pescara abbia prodotto un ottimo calcio, contro un Bologna meno dinamico ma capace di concretizzare il minimo indispensabile per portare a casa la posta in palio

– di Massimo Righi –

Sansone ha segnato 7 reti dal suo arrivo a gennaio (ph. LaPresse)

Sansone ha segnato 7 reti dal suo arrivo a gennaio (ph. LaPresse)

In due incontri su due contro il Pescara al Dall’Ara, il Bologna non è mai riuscito a sconfiggere gli abruzzesi. In campionato, alla 24ma giornata il match finì 0-0, ieri sera 1-1. Il gol del pareggio abruzzese è stato siglato da Cristian Pasquato, ex rossoblù della stagione 2012/13. Il gol del vantaggio rossoblù firmato da Gianluca Sansone è stato il settimo per l’attaccante lucano, terzo miglior marcatore del Bologna, dopo Cacia (12) e Laribi (8). E proprio quest’ultimo, con 41 presenze totali è stato il giocatore del Bologna più utilizzato della rosa. L’espulsione per doppio giallo di Ibrahima Mbaye, è stata la 15ma stagionale per il Bologna che è stata la squadra che ha collezionato più cartellini rossi dell’intera divisione. Il club rossoblù ha conquistato la sua quarta promozione in A della storia dopo quelle del 1988, 1996 e 2008. L’anno prossimo, nella serie A 2015/16, saranno tre le compagini a rappresentare l’Emilia-Romagna: Bologna, Carpi e Sassuolo.

Numeri della partita – Il Pescara ha tenuto palla per il 56% del tempo contro il 44% del Bologna, giocando ben 631 palloni contro i soli 442 dei rossoblù. Più precisi gli abruzzesi nei propri appoggi, completando il 69% di questi, contro il 54% dei padroni di casa. Nettamente meglio gli ospiti nel dato ella supremazia territoriale, 12 minuti abbondanti contro i quasi 6 del Bologna. Il Pescara, è stato anche molto più pericoloso con una percentuale di pericolosità del 56% contro il solo 36% dei felsinei, che infatti hanno subito ben 7 tiri in porta su 16; solo 3 su 8 le conclusioni scoccate dai rossoblù verso lo specchio ospite. Il Bologna è stato però meno falloso del Pescara, 13 falli a 15, contando due ammoniti e un espulso contro quattro ammoniti fra le fila abruzzesi.

Record individuali – Il migliore a recuperare la palla è stato il pescarese Salamon con 32 recuperi, seguito dai bolognesi Maietta e Oikonomou, rispettivamente con 27 e 26. Curiosamente, dopo i 22 recuperi di Fornasier spiccano i 19 di Da Costa, portiere del Bologna. Dominio abruzzese per quanto riguarda il dato dei passaggi riusciti, visto che i primi 6 migliori passatori della partita sono tutti del Pescara: Pucino al top con 62, Brugman 54, Salamon 51, Torreira 45, Zampano 44 e Fornasier con 42. Alla voce tiri in porta, Melchiorri e Sansone di dividono la palma di più audaci con 4 conclusioni a testa, seguiti da Pasquato con 3, Brugman e Sansovini con 2 e Torreira con 1. Anche in questo caso comunque, 5 giocatori su 6 appartengono al Pescara.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *