Post partita, le statistiche di Bologna-Pescara


Archiviato il pareggio interno con il Pescara, vediamo nel dettaglio le statistiche della partita. Nonostante la supremazia territoriale, il Bologna non è riuscito ad imporsi

– di Massimo Righi –

Francelino Matuzalem, uno dei migliori nelle classifiche di rendimento (ph. LaPresse)

Francelino Matuzalem, uno dei migliori nelle classifiche di rendimento (ph. LaPresse)

Pareggiando contro il Pescara, il Bologna raggiunge il 5° risultato utile consecutivo in campionato. Dopo le quattro vittorie conseguite contro Pro Vercelli, Lanciano, Perugia ed Entella, è arrivato il pareggio a reti inviolate contro gli abruzzesi. Si tratta del quarto 0-0 stagionale per il Bologna dopo i pareggi di Vicenza, Modena e col Carpi in casa. Ma vediamo nel dettaglio un po’ di numeri e statistiche che ci ha riservato la partita.

Due esordi – Nella sfida di ieri hanno esordito in rossoblù due nuovi giocatori, Matteo Mancosu subentrato a Buchel al 63’ e Ibrahima Mbaye, che ha rilevato Ceccarelli dieci minuti dopo. L’attaccante è stato il giocatore numero 844 a vestire la casacca del Bologna, mentre il senegalese è stato il giocatore numero 845. L’unico rossoblù fra i nuovi arrivati a dover ancora esordire è il portiere Da Costa, ancora non impiegato.

Numeri della partita – Il Bologna ha tenuto maggiormente il pallone rispetto al Pescara, 58% contro 42%, in una partita in cui la frequenza dei tiri in porta è stata scarsa. Sono infatti stati 3 per parte i tentativi finiti nello specchio della porta, con i padroni di casa a provare la conclusione 15 volte contro le 11 degli ospiti. In ragione di così pochi tentativi di tiro, l’indice di pericolosità di entrambe le squadre risulta scarso: poco più del 35% per i rossoblù contro il 28,5% dei biancazzurri. Il Bologna ha inoltre giocato più palloni del Pescara 681 contro 496, passando meglio la sfera degli ospiti del 13%. Sempre in favore dei padroni di casa, le statistiche dicono che il Bologna è stato più tempo dell’avversario nella metà campo avversaria ed ha anche protetto meglio la propria metà. Gli ospiti sono stati molto più fallosi dei padroni di casa con 15 falli commessi contro i soli 7 del Bologna, poco più del doppio; nonostante questo, le squadre hanno rimediato una sola ammonizione per parte, Maietta e Pucino. Infine, il Bologna ha tirato 11 calci d’angolo contro i 7 del Pescara.

Record individuali – Ancora una volta risulta Matuzalem l’uomo capace di recuperare più palloni di tutti i 22 in campo con ben 29 recuperi riusciti, due in più di Salomon e tre in più di Fornasier del Pescara. Lo stesso centrocampista brasiliano è stato colui il quale ha passato meglio la palla di tutti, riuscendo a compiere ben 67 passaggi. Curioso notare come i primi cinque migliori passatori della partita siano tutti del Bologna, da Maietta e Masina (59), Oikonomou (55) e Laribi (42), mentre il sesto è il pescarese Pucino con appena 39 appoggi riusciti. Per quanto concerne le conclusioni, il bolognese Casarini è colui che ha tentato il tiro più spesso con 6 tiri, seguito da Memushaj e Pasquato del Pescara e Cacia e Sansone del Bologna, tutti a quota 3 tiri.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *