Promossi e bocciati del mercato di gennaio: Roma al top


Da El Shaarawy e Immobile a Floccari e Suso: ecco chi sul mercato di gennaio ha acquistato calciatori utili e chi invece sta ancora aspettando un segnale dai nuovi acquisti

– di Luca Nigro –

Impatto positivo per El Shaarawy alla Roma (ph. Zimbio)

Impatto positivo per El Shaarawy, colpo di mercato invernale della Roma (ph. Zimbio)

Il mercato invernale è da sempre una finestra avara di grandi colpi. Per lo più, si cerca di colmare alcune lacune di organico o dove ce ne fosse la possibilità, prendere qualche elemento che possa ulteriormente migliorare una rosa di per se competitiva. Proviamo a capire, a nove giorni dalla chiusura delle liste, chi ha indovinato gli acquisti e chi ancora aspetta il completo inserimento nelle nuove realtà. Fino ad ora, i due migliori colpi li ha centrati la Roma. Gli arrivi di Stephan El Shaarawy e Diego Perotti hanno dato un peso specifico importante ai giallorossi. Con i due in campo, nelle ultime tre partite, Spalletti ha fatto bottino pieno. Nei nove punti, sia El Shaarawy che Perotti sono stati determinanti. Il Faraone su tre gare giocate, ha bucato la rete due volte (Frosinone e Sassuolo) servendo anche un assist. L’argentino, andato in gol nell’ultimo turno contro la Sampdoria, proprio come il compagno ha già servito un assist. Un impatto molto positivo dunque. Così come quello della coppia Zarate-Tello, neo arrivati in casa Fiorentina nel mercato invernale. L’ex Lazio è tornato in Italia dopo l’esperienza al West Ham. E’ arrivato con qualche mugugno e più di un dubbio ma il suo grandissimo gol contro il Carpi, ha regalato tre punti importanti ai viola. In tutto quattro presenze. Cristian Tello, scuola Barcellona, nelle due partite sin qui giocate (l’ultima a Bologna), ha dimostrato di avere grandi doti tecniche fornendo un prezioso assist a Bernardeschi. Lui e Zarate, hanno portato ai viola otto dei dodici punti a disposizione. Chi non ha ancora inciso, è invece Eder. Premesso che l’italo brasiliano rimane un attaccante di indiscusso valore, forse però l’Inter aveva più bisogno di un uomo d’ordine in mezzo al campo che di una punta. Tre partite giocate da Eder in nerazzurro con solo quattro punti raccolti sui nove punti a disposizione.

Il gol di Floccari realizzato contro il Sassuolo (ph. Zimbio)

Il gol di Floccari realizzato contro il Sassuolo, sua ex squadra (ph. Zimbio)

Buono invece il ritorno di Ciro Immobile in maglia granata. C’è però da dire che dopo una partenza sprint con un gol e un assist contro il Frosinone, l’attaccante napoletano non ha più visto la porta. Per adesso va meglio da rifinitore: quattro assist in sei partite. Il Torino con lui in campo, ha raccolto sei punti nei diciotto a disposizione. Un altro acquisto utile alla causa, è certamente quello di Sergio Floccari. L’attaccante di Vibo, ha portato peso ed esperienza ad un reparto che vedeva il solo Destro quale unico e vero punto di riferimento in avanti. Nelle sue cinque partite con il Bologna, Floccari su quindici punti ne ha conquistati otto. Fondamentale il suo gol a Reggio Emilia che sancì la definitiva vittoria con il Sassuolo. Un ex rossoblu, sembra invece aver trovato la sua dimensione a Carpi. Matteo Mancosu nella sua esperienza bolognese ha deluso le attese, ma con Castori sta vedendo con continuità il campo. Sei partite (Coppa Italia compresa) e due gol (Milan e Palermo). Per intenderci, più di quelli fatti a Bologna. La sua presenza ha portato ai biancorossi cinque punti sui quindici a disposizione. Non male nemmeno l’impatto di Suso a Genova. Considerando che al Milan era praticamente ai margini, con la maglia del Genoa lo spagnolo sta dimostrando il suo valore. Una rete nel 4-0 al Palermo e un assist. In sette partite giocate da Suso, i rossoblu hanno collezionato nove punti su ventuno. Ma non tutte le ciambelle riescono col buco e la vera delusione di quest’ultimo mercato al momento è Alessandro Diamanti. L’ex Bologna e Watford da quando è arrivato a Bergamo, non ha per nulla inciso. Preso per sostituire il partente Maxi Moralez, Diamanti su cinque presenze non ha realizzato nessun gol ne fornito un solo assist. Sui quindici a disposizione, sono appena cinque i punti accumulati dall’Atalanta con il fantasista in campo. Ovviamente sono tutti numeri che possono variare in negativo o in positivo da una giornata all’altra. Chi si è mossa meglio, è stata certamente la Roma, seguita da Fiorentina e Bologna. In attesa dei dati relativi ai rendimenti degli altri neo acquisti Zuniga e Constant, la squadra di Donadoni in prospettiva è una delle squadre ad aver effettuato i colpi migliori.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *