Ramagli: “Un successo costruito strada facendo. Per il futuro è presto”


Lunga intervista ad Alessandro Ramagli andata in onda su Radio Bologna Uno: ecco il pensiero del coach bianconero

– di Marco Vigarani –

Alessandro Ramagli ha riconquistato subito la Serie A (ph. Virtus)

A poche ore dalla conquista della promozione, coach Alessandro Ramagli ha parlato ai microfoni di Radio Bologna Uno durante “Mezzogiorno Rossoblù” analizzando quanto accaduto nel corso della stagione: “Abbiamo costruito questo traguardo un pezzo alla volta, strada facendo. Tecnicamente poi lo step decisivo è arrivato durante i playoff. Non potevamo limitarci a giocare con pochi solisti perchè avrebbe consentito agli avversari di avere punti di riferimento: è sempre la squadra che fa la differenza. Siamo stati bravi a giocare spalle a canestro o in uscita dai blocchi, ad usare il pick and roll o ad utilizzare al meglio gli esterni quindi credo che il nostro maggior pregio dal punto di vista tecnico sia stato non essere sempre identificabili. Anche la consapevolezza di potercela fare è arrivata solo durante i playoff perchè prima sapevamo solo di poter entrare nelle prime quattro squadre“.

Ecco le dediche del tecnico bianconero: “Dedico questo successo alla squadra, ai miei ragazzi che sono clamorosi e formano iun gruppo di lavoro che sta bene insieme e si rende conto del valore di quello che fa ogni giorno. Una dedica però anche ai tifosi con i quali abbiamo ritrovato il feeling. Ha ragione Messina nel dire che questo è un campionato difficile da vincere però ho la sensazione che quanto accaduto l’anno scorso abbia solidificato il rapporto con le persone legate alla Virtus poi pian piano, come normale, si sono aggiunti tutti gli altri“.

Non manca un ricordo del momento più difficile dopo il ko contro Casale: “Dopo quella sconfitta ho fatto una conferenza stampa con le scatole girate perchè avevo sicuramente commesso degli errori ma non pensavo di meritare quello che stavo sentendo e leggendo. La vicinanza di Bucci c’è sempre stata: è una persona che ha avuto l’accortezza di dire e fare le cose giuste. Alla fine guardandomi alle spalle mi sento di dire che quella sconfitta con Casale è stata benedetta“.

Infine Ramagli non si sbilancia riguardo al futuro: “Capisco che si voglia guardare avanti con la voglia di arrivare all’ultima pagina del libro, ma il nostro è ancora tutto da scrivere. Oggi è troppo presto per capire cosa succederà. Ci saranno tutti i meeting necessari per definire la strategia e poi partirà la costruzione della squadra“.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *