Restyling Dall’Ara, tutte le novità. Saputo: “L’obiettivo è restare qui”


Nuove aree hospitality, shop per i tifosi e l’esclusivo bar sotto la Torre di Maratona: queste e altre sono le novità dello stadio Dall’Ara, svelate stamattina alla stampa da Joey Saputo e Claudio Fenucci

– di Luigi Polce –

Questa mattina è stato tolto il velo sul “nuovo” stadio Dall’Ara, profondamente rinnovato in un’ottica di ristrutturazione nella quale questi primi lavori “rappresentano il primo step, la prima fase di quello che abbiamo intenzione di fare”: parole firmate Joey Saputo, che assieme a Claudio Fenucci ha fatto da guida ai tanti giornalisti presenti, che hanno avuto il privilegio di vedere in anteprima come si presenterà lo stadio bolognese domani per la prima gara casalinga, contro il Sassuolo.

La nuovissima area Premium in Terrazza Bernardini, con capienza di 250 posti

La nuovissima area Premium in Terrazza Bernardini, con capienza di 250 posti

Chiaro che diverse cose sono ancora da sistemare, visto anche il poco tempo avuto a disposizione per effettuare i lavori, come per esempio il nuovo shop rossoblù che verrà sistemato sotto la tribuna. Il primo colpo d’occhio a livello estetico è molto buono, logo e colori sociali sono ovunque e tutto è curato nei minimi particolari. Rimessa a nuovo la Terrazza Bernardini, che prevede un’area Premium da 250 posti dove si potrà mangiare prima o dopo la partita, a seconda dell’orario della gara. E’ prevista poi un’altra area hospitality più grande, da 500 posti, che verrà collocata nella parte più esterna della tribuna (quella vicina al settore ospiti), che arriverà fino quasi all’altezza della bandierina del calcio d’angolo: da lì, i più fortunati potranno assistere al riscaldamento delle squadre da distanza molto ravvicinata. Già aperto da domani il bar per la Curva Bulgarelli, dove i supporters potranno ritrovarsi subito dopo la partita per discutere sui 90’ appena vissuti, mentre occorrerà attendere fino alla gara contro il Frosinone  per l’avveniristico bar collocato proprio sotto la Torre di Maratona: si affaccerà direttamente sul terreno di gioco e sarà possibile vedere cosa succede in campo grazie ad un esterno completamente realizzato in cristallo. Fenucci non ha escluso una sua possibile apertura anche in giorni diversi rispetto a quello della partita, magari in estate per feste oppure eventi di vario tipo, come non è esclusa in futuro la possibilità di includere l’utilizzo della Torre nell’offerta relativa alla partita. Oltre al bar, verrà allestito anche un ulteriore shop sempre nel settore dei Distinti.

Un particolare dei nuovissimi spogliatoi dello stadio Dall'Ara

Un particolare dei nuovissimi spogliatoi dello stadio Dall’Ara

Gli spogliatoi sono probabilmente la chicca di questi lavori: strutture all’avanguardia, poltrone in pelle per ogni giocatore, monitor per seguire la partita e ampie docce con accanto vasche per il ghiaccio. Insomma, uno spazio da Serie A dove mancano solo le personalizzazioni con nome e numero di ogni calciatore, ma verranno inserite a breve anche queste. Scendendo in campo, il colpo d’occhio è immediato: i nuovi seggiolini rossoblù posizionati nei distinti e in tribuna fanno un certo effetto, non saranno invece inseriti né nella Bulgarelli né nella San Luca, per il semplice motivo che c’è l’idea di avvicinare le curve verso il terreno di gioco, andando ad occupare l’ormai inutilizzata pista d’atletica. Capite bene che, proprio per questa ragione, sarebbe uno spreco di tempo e soldi mettere seggiolini nuovi su un qualcosa che potrebbe andare distrutto. La capienza, come ampiamente previsto, sarà ridotta di 8.000 posti per un totale di circa 28.000 spettattori (non ci saranno riduzioni però in Curva Bulgarelli, che resterà così com’è).
Novità anche per la stampa: oltre al Wi-fi, ci sarà una zona ospitalità anche per i giornalisti, che si troveranno a lavorare in un ambiente totalmente rimesso a nuovo. Bella e funzionale la nuova sala di scrittura, con circa 50 postazioni e due monitor, posizionata accanto alla sala stampa e che prende il posto della vecchia mixed zone, spostata invece al piano terra in una struttura di nuova realizzazione dove sarà possibile intercettare i calciatori dopo le partite. Tempo stimato per ultimare i lavori è il 15 di settembre, in linea con quanto prefissato, mentre per la fine del 2015 Fenucci ammette che verrà presa una decisione definitiva sul futuro: stadio nuovo o ristrutturazione totale del Dall’Ara.

Joey Saputo all'interno dei nuovissimi spogliatoi

Joey Saputo all’interno dei nuovissimi spogliatoi

Alla fine di questo particolare tour, Joey Saputo si è fermato a bordocampo per parlare con i cronisti presenti, parlando dello stadio ma non solo: “Questa è una prima fase di quello che vogliamo fare – esordisce il chairman rossoblù –, se ci permettono di effettuare il restyling completo del Dall’Ara è ovvio che restiamo qui, senza pensare a costruirne uno nuovo. Anche la copertura totale dello stadio è tra i nostri obiettivi, il piano è lì, questo è solo un qualcosa che volevo fare almeno inizialmente per riportare un po’ di gente”. Nel frattempo però, la campagna abbonamenti procede a rilento: “E’ vero, siamo indietro rispetto all’obiettivo che ci eravamo posti all’inizio della stagione, ovvero quota 13.000. Adesso siamo quasi a 11.000, e abbiamo ancora lavoro da fare”. Impossibile, poi, non parlare di mercato: “Per quanto riguarda la squadra non voglio commentare, abbiamo ancora un paio di giorni per completarla, e ho sempre detto che a livello tecnico non posso commentare. Probabilmente l’aver puntato sui giovani e non sui nomi può essere una delle ragioni per cui non abbiamo raggiunto il numero di abbonati che avevamo messo in conto, così come il fatto che il campionato inizia durante le vacanze. Come ho sempre detto, l’obiettivo adesso è restare in A e abbiamo bisogno di un po’ di tempo per costruire una squadra adatta a mantenere la categoria. Abbiamo impostato un piano di 3 anni e adesso è troppo presto per fare valutazioni, abbiamo deciso di investire un pochino di più sui giocatori in questo primo anno rispetto a quanto avevamo stabilito, e alla fine vi dirò se sono soddisfatto. E’ stato un mercato difficile perché non pensavo che le altre squadre spendessero così tanto – dice sorridendo –, ma non è ancora finito e speriamo da qui ad un paio di giorni di arrivare ai giocatori che vogliamo per continuare a crescere”. Sulla prima giornata contro la Lazio invece, questo il parere del presidente: “Ho visto giocatori che hanno dato tutto, nonostante l’inizio difficile, e spero che continueranno così”. Sull’argomento Tacopina, infine, Saputo glissa preferendo non commentare. In fondo oggi è una giornata troppo bella e importante per il futuro per pensare a certe cose.

Print Friendly



One thought on “Restyling Dall’Ara, tutte le novità. Saputo: “L’obiettivo è restare qui”

  1. Vecchio Tifoso

    Si è vero gli abbonamenti non sono molti, ma è la città di Bologna che deve essere coinvolta di più ad acquistarlo, non la gente che viene da fuori , una città come Bologna non dovrebbe fare fatica ad arrivare sui ventimila, se questo non avviene vuol dire che???

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *