Ricciardo vince a Sepang, subito fuori Vettel. Rosberg verso il titolo


Vittoria per Ricciardo su Red Bull in Malesia mentre Vettel esce subito di scena. Rosberg sempre più in volata verso il titolo

– di Alberto Bortolotti –

Ricciardo si è aggiudicato il GP di Malesia (ph. Zimbio)

Ricciardo si è aggiudicato il GP di Malesia (ph. Zimbio)

Quarta vittoria in carriera di Daniel Ricciardo sul circuito malese di Sepang, davanti al compagno di squadra Max Verstappen. Sul podio va Nico Rosberg, in rimonta dalle posizioni di coda dopo un incidente alla prima curva con Sebastian Vettel, subito out. Lo bacchetta prima Verstappen, poi Rosberg: “Vettel era del tutto fuori controllo. E’ entrato in curva troppo forte, non poteva controllare la macchina e mi ha rovinato la gara. E poi ho cercato di tornare su: ho dovuto lottare con Kimi e non mi aspettavo che mi dessero i 10 secondi di penalità. E’ stato un sorpasso aggressivo, quindi il provvedimento ci stava, e per fortuna non mi ha rovinato il podio“.
Quarto Raikkonen, autore di una gara pulita ma senza acuti, e a punti vanno anche Bottas, Perez, Alonso, Hulkenberg, Button e Palmer. Il finlandese è sconsolato: “E’ evidente che ci mancava qualcosa rispetto agli altri, i tempi ad ogni giro erano superiori a quelli di Mercedes e Red Bull, non abbiamo mai avuto la possibilità reale di lottare per il podio

Lewis Hamilton si è dovuto fermare quando era largamente al comando al 41esimo giro e ora Rosberg, in condizione simile a quella di Marquez in Motogp, ha 23 punti di vantaggio a 5 corse dalla fine del Mondiale.
L’inglese pare fatalista. “E’ tutto l’anno che ho la sensazione di un qualcosa che mi sfugge dalle mani. Nelle fasi iniziali ci sono stati problemi, poi sembrava tutto raddrizzato ma è tornata la percezione che qualcosa mi stia scivolando tra le dita. Sto rivivendo una sensazione simile a quella che ho vissuto a Barcellona”.

In classifica costruttori la doppietta Red Bull mette in crisi la possibilità Ferrari di aggiudicarsi il secondo posto.
Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *