Rinnovamento del Dall’Ara: il Ministero ha detto sì


In mattinata sono arrivate conferme dal sindaco Merola e dall’assessore Rizzo Nervo: il Ministero ha dato l’assenso alla ristrutturazione del Dall’Ara

– di Marco Vigarani –

Joey Saputo vuole restaurare lo stadio Dall'Ara

Il Ministero ha approvato il progetto di rinnovamento dello stadio Dall’Ara

Dopo le inquietudini mostrate nelle ultime settimane, il Bologna ha finalmente ricevuto una buona notizia riguardo all’ormai annoso tema della ristrutturazione dello stadio Dall’Ara. Il Ministero infatti ha espresso in un documento il suo assenso al progetto di ristrutturazione dell’impianto trasmettendo quindi un parere positivo alla Sovrintendenza che dovrà a sua volta dare il via libera alla fase successiva del progetto. Come spiegato dall’amministratore delegato rossoblù Fenucci, i due temi fondamentali per il Bologna sono la copertura integrale e l’avvicinamento delle curve al campo: in entrambi i casi sarebbe arrivato un consenso che andrà comunque valutato dalla lettura completa dei documenti. Questa mattina sia il sindaco Virginio Merola che l’assessore allo sport Luca Rizzo Nervo hanno espresso soddisfazione ed ottimismo ed in particolare il secondo ha affidato ai social network il suo pensiero scrivendo: “Si tratta di un parere favorevole all’intervento di ristrutturazione con indicazioni tecniche per realizzare, nel passaggio dal progetto preliminare al progetto definitivo, l’obiettivo della conservazione di un bene dal valore storico e architettonico da un lato e l’obiettivo dell’ammodernamento funzionale dello stadio dall’altro. Non sono messi in discussione due elementi della ristrutturazione che avevamo dichiarato imprescindibili per poter proseguire: la copertura completa delle gradinate in ogni settore dello stadio e l’avvicinamento delle curve in prossimità del campo da gioco. Sono indicate altresì come necessarie alcune modifiche progettuali relative alle modalità di copertura delle gradinate e alla demolizione delle curve esistenti. Ora il Bologna potrà cominciare anche, come avevamo già detto da qualche tempo, un approfondimento relativo ai costi, anche sulla base di queste nuove indicazioni“. Non è ancora arrivato il momento di brindare a Casteldebole perchè sarà necessario presentare ed approvare un piano definitivo di cui studiare a fondo le spese ed i tempi di realizzazione: realisticamente Joey Saputo potrà essere soddisfatto di contenere l’esborso entro i 100 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *