Rio 2016: Oro di Gabriele Rossetti nello skeet. Finale per Tania Cagnotto


Tiro a Volo: fantastico Rossetti. La Cagnotto non delude e centra la finale. Tartaglini prima nella Vela. Male Golf e Boxe. Un grande Del Potro batte Nadal.

-di Luca Nigro-

Tania Cagnotto accede alla finale del Trampolino 3 metri (ph. outdoorblog.it)

Tania Cagnotto accede alla finale del Trampolino 3 metri (ph. outdoorblog.it)

Altra giornata storica per l’Italia alle Olimpiadi, altra medaglia ed è ancora d’Oro grazie ad uno strepitoso Gabriele Rossetti. Lo skeet diventa uno sport di dominio azzurro. Gli italiani a Rio dimostrano di essere degli eccellenti tiratori.  Rossetti appena ventunenne, è un figlio d’arte. Il padre Bruno infatti vinse il bronzo a Barcellona ’92. Il figlio però oggi ha superato il maestro in una giornata per lui indimenticabile. Un oro che  ieri sembrava irragiungibile dopo la fase di qualificazione dove Rossetti sbaglia ben 4 piattelli. Questa mattina l’exploit: 50 su 50 che gli vale lo spareggio per accedere alla semifinale. Poi 12 su 12 per entrare tra i migliori 6 e infine un 16 su 16 che gli permette di sfidare in finale il favorito Marcus Svensson. L’azzurro tira per primo ma non sbaglia un colpo riuscendo a  centrare tutti e 16 i piattelli mentre lo svedese sbaglia proprio l’ultimo. Per Rossetti è l’apoteosi, per la spedizione italiana a Rio è la medaglia numero 16 che vale il 10° posto nel medagliere. Meno bene Riccardo Mazzetti che coglie solo un 6° posto nella finale di pistola 25 metri. Nei tuffi trampolino da 3 metri femminile, Tania Cagnotto entra in finale con il settimo miglior punteggio (324.40). Prime le irraggiungibili cinesi Shi Tingmao e He Zi. Male Matteo Manassero e Nino Bertasio che nella terza giornata di Golf, scivolano rispettivamente al  33° e 39° posto. Nulla da fare anche per la sciabola donne a squadre. Le azzurre, dopo aver perso la semifinale con le ucraine per 45-42, cedono di schianto nella finale per il Bronzo sconfitte nettamente dagli Stati Uniti 45-30.

Juan Martin Del Potro batte Nadal e punta l'Oro (ph. ubitennis.com)

Juan Martin Del Potro batte Nadal e punta l’Oro (ph. ubitennis.com)

Va decisamente meglio nella Vela specialità delle “tavole” delle vele. Flavia Tartaglini che ieri aveva chiuso le prove al secondo posto, al termine della giornata balza in testa con 55 punti. Domani ci sarà l’ultima e decisiva prova nella quale verrà assegnato un punteggio doppio che sarà determinante ai fini della classifica finale. In Medal race anche Mattia Camboni, che ha chiuso la serie all’ottavo posto della classifica della Tavola maschile Rs. Tutto come previsto per il Setterosa che dopo aver battuto la Russia 10-5, chiude il girone di qualificazione a punteggio pieno. Ai quarti affronterà la Cina. Nella boxe categoria +91 kg altra delusione per l’Italia con l’eliminazione agli ottavi di Guido Vianello eliminato dal cubano Lenier Pero. Nell’Atletica semifinale centrata nei 400 metri da Libania Grenot. Fuori invece Maria Benedicta Chigbolu. Nei 100 metri Justin Gatlin, Yohan Balke e Usain Bolt non hanno difficoltà a vincere le loro rispettive batterie. Nel Calcio femminile il Brasile fatica con l’Australia ma accede alle semifinali. Le ragazze verdeoro vincono ai rigori. Infine il Tennis. La ceca Petra Kvitova conquista la medaglia di bronzo battendo l’americana Madison Keys in tre set con il punteggio di 7-5, 2-6, 6-2. Ma la sorpresa arriva in serata nella seconda semifinale maschili. Dopo la vittoria agevole di Andy Murray su Kei Nishikori per 6-1, 6-4, Juan Martin Del Potro al termine di una battaglia di 3 ore e 10 minuti, vince in tre set su Rafa Nadal con il punteggio di 5-7, 6-4, 7-6. Si ripete dunque la finale di 4 anni fa a Londra ’12 tra Murray e Del Potro. All’epoca vinse l’inglese. Adesso per l’argentino è pronto il riscatto. Dopo 2 anni di completa inattività per tre operazioni al polso destro che lo avevano di fatto escluso da tutti i tornei mondiali, Del Potro rientra alla grande e stupisce tutti. Dopo aver battuto Djokovic e Nadal, manca l’ultimo tassello per un oro che sarebbe la giusta ricompensa per tutto quello passato negli ultimi 24 mesi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *