Rivoluzione FIFA: chiesta la radiazione per Platini e Blatter


Michel Platini e Joseph Blatter potrebbero essere radiati dal mondo del calcio in seguito agli scandali in cui sono stati coinvolti. Entro dicembre arriverà la sentenza definitiva

– di Marco Vigarani –

Blatter e Platini sono pronti al ricorso contro la squalifica (ph. Zimbio)

Blatter e Platini sono pronti al ricorso contro la squalifica (ph. Zimbio)

Quando nei mesi scorsi Joseph Blatter si fece da parte aprendo alla possibilità concreta di un avvicendamento dopo decenni di egemonia sul calcio mondiale, Michel Platini sembrava poter essere facilmente individuato come il successore in grado di tracciare una discontinuità forte con il passato. Lo scandalo riguardante il numero uno della FIFA però si è ben presto ampliato arrivando a toccare l’ex fantasista francese ed ora entrambi sono sottoposti ad una misura cautelare di novanta giorni di squalifica in attesa di un verdetto definitivo. Platini così non ha potuto nemmeno candidarsi alle prossime elezioni per la presidenza della FIFA e Blatter vede ogni giorno più vicina la sua fine politica dopo aver governato a suo piacimento il calcio mondiale per quasi vent’anni. Concluse le indagini a carico dei due indagati, sono già filtrate alcune indiscrezioni riguardanti la richiesta di pena avanzata dalla Commissione etica della Federcalcio mondiale: squalifica a vita e radiazione. Secondo quanto rivelato all’Equipe dall’avvocato Thibaud Alles, che difende gli interessi di Platini, si tratta di: “Una sanzione sproporzionata perchè non c’è fondamento per la presunta corruzione. Questo provvedimento mira a far male

Secondo quanto riportato poi dal quotidiano tedesco Die Welt anche per Blatter si andrebbe verso l’allontanamento a vita dalla FIFA nel caso di comprovata corruzione anche se il dirigente svizzero starebbe già valutando la possibilità di un ricorso al TAS di Losanna dopo aver ammesso nei giorni scorsi di aver sofferto gravemente di stress negli ultimi mesi e di essere andato vicino al decesso. Detto che le due sentenze sono attese entro la fine del mese di dicembre, la FIFA si appresta comunque a voltare pagina già nei prossimi giorni quando il meeting di Zurigo avrà il compito di valutare le proposte di riforma presentate da Francois Cannard. Tra le principali si notano: limite di età fissato a 74 anni per i dirigenti, mandati presidenziali non estendibili oltre i 12 anni e pubblicazione dei compensi percepiti annualmente dagli alti funzionari FIFA. Qualora tali proposte risultassero gradite, si andrebbe direttamente alla votazione in sede di congresso straordinario fissato per il 26 febbraio 2016 quando si sceglierà il nuovo presidente tra i cinque candidati Al-Hussein, Al-Khalifa, Infantino, Champagne e Sexwale.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *