Rizzo: “Credo nel lavoro e nel progetto del Bologna”


Si è presentato oggi il centrocampista Luca Rizzo, primo acquisto del Bologna per la nuova stagione. Il ragazzo ha mostrato determinazione nel ripagare la grande fiducia mostrata dalla società

– di Marco Vigarani –

Luca Rizzo presentato da Marco Di Vaio

Luca Rizzo presentato da Marco Di Vaio

Nella sede della prima parte del ritiro rossoblù a Castelrotto è arrivato anche il momento della terza presentazione ufficiale che ha avuto come protagonista il centrocampista Luca Rizzo, acquistato dalla Sampdoria come primo innesto nella rosa 2015/16. Ancora una volta le prima parole sono state quelle di Marco Di Vaio che ha detto: “Rizzo è stato il primo investimento importante di questa società, il suo nome ha messo tutti d’accordo perchè è un giocatore ideale per il nostro centrocampo ma che può anche rappresentare ben il Bologna fuori dal campo. È un bravo ragazzo che vogliamo tenere qui con noi per tanto tempo perchè rappresenta sia il presente che il futuro del club“. È stato poi lo stesso Rizzo a presentarsi tatticamente spiegando: “In carriera ho ricoperto tanti ruoli arrivando a giocare anche esterno o seconda punta a Modena ma penso di esprimermi al meglio come interno di centrocampo. Le mie caratteristiche principali sono la corsa e lo spirito di sacrificio ma devo migliorare nel cercare di essere meno generoso e provare anche la soluzione personale quando ne ho l’occasione. Il mio idolo è Kaka mentre invece gli allenatori più importanti sono stati Pane a Pisa, Novellino a Modena e Mihajlovic che mi ha fatto esordire in A con la maglia della mia città“.

Senza nascondersi, il centrocampista rossoblù ha poi spiegato l’evoluzione della trattativa che l’ha portato ad indossare la maglia del Bologna: “Il club ha fatto un investimento importante su di me, mi ha dimostrato grande fiducia ed in particolare il direttore Corvino mi ha fatto percepire tutta la sua voglia di concludere la trattativa. Sono entrato nel settore giovanile della Sampdoria a dieci anni quindi appena è arrivata la proposta del Bologna sono stato turbato ma poi ho compreso l’importanza del progetto e quello che poteva darmi questa piazza: a quel punto non ho avuto alcun dubbio nell’accettare. Nel mio contratto c’è anche una clausola legata alla possibile convocazione in Nazionale che dimostra ulteriormente la stima del Bologna nei miei confronti“. Rizzo spiega poi chiaramente la sua visione del calcio: “Una volta uscito dalla Primavera sono andato subito a giocare nelle categorie inferiori perchè credo che per un ragazzo sia fondamentale trovare continuità e fare esperienza. Punto in alto con la maglia del Bologna e non ho alcuna intenzione di fermarmi. Ho visto che anche mister Rossi condivide la filosofia del lavoro duro come Novellino e Mihajlovic quindi penso che ci intenderemo perfettamente“. Infine una curiosità: “Quando è uscita la voce della trattativa ho ricevuto un messaggio da Krsticic che mi ha detto di venire di corsa a Bologna perchè mi sarei trovato benissimo“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *