Roma di carattere al do Dragão: ottimo 1 a 1 col Porto. Risultati Champions


Roma, “un piacere vederti giocare”: col Porto finisce 1 a 1, ma senza rosso..Il Monaco espugna il Madrigal, Celtic a valanga sull’Hapoel. Tutti i verdetti

– di Tiziano De Santis –

Estádio do Dragão, Porto-Roma (ph. Si24.it)

Estádio do Dragão, Porto-Roma (ph. Si24.it)

Quanto sei bella Roma” al do Dragão: nella notte del palleggio, la squadra di Luciano Spalletti quasi riesce a fare il colpaccio nella pericolosa trasferta in Portogallo. Nella tana del Porto, infatti, i giallorossi partono alla grande, scombinando la macchinosa difesa bianco-blu grazie alla velocità di Salah: proprio l’egiziano fa sprofondare nel brivido della paura i supporter avversari, sfiorando il gol con un bel sinistro a giro e impegnando severamente Felipe sino alla linea di porta, per salvare all’ultimo un pallonetto che sembra già dentro. “Un piacere vedere in campo questa squadra” dirà, a fine partita, Spalletti in riferimento al proprio team, incredibilmente padrone dei primi minuti di gioco al do Dragão: gli undici di Nuno Espírito Santo non riescono quasi mai a ripartire, anzi vengono schiacciati sul piano tecnico e salvati, al 13′, dall’erroraccio di Dzeko, che, solo davanti alla porta difesa (male) da Casillas (autore di una brutta palla persa a terra), spara addosso ad Alex Telles: il salvataggio sulla linea del terzino brasiliano altro non vale che un’attesa di 4 ulteriori minuti per veder sbloccare il risultato dall’autogol di Felipe, il quale insacca nella porta sbagliata la palla dell’1-0. O meglio, dello 0-1 per i giallorossi, che ringraziano e gioiscono senza pazze esultanze.

La Roma esulta al gol dello 0 a 1 contro il Porto (ph. Ilmessaggero.it)

La Roma esulta al gol dello 0 a 1 contro il Porto
(ph. Ilmessaggero.it)

Il Porto sembra volersi svegliare dall’incubo, nonostante sia ancora Casillas a chiudere lo specchio a Salah prima, a Nainggolan poi: Andrè Silva scalda i guantoni di Allison prima dell’harakiri di Vermaelen che, al 41′, cerca un coraggioso ma sfortunato anticipo proprio sul 10 avversario, che sfugge al difensore ex Barça e viene, in seguito, atterrato: a Vermaelen non rimane che un secondo giallo, presto trasformatosi in rosso, che costringe Spalletti a inserire Emerson e giocare, nella ripresa, con Juan Jesus centrale, in un 4-3-2 che nulla può contro le sferzate del 4-3-3 avversario: al 61′, dopo un pareggio annullato per fuorigioco e una palla sprecata malamente da Andrè Silva, il Porto trova l’1-1 su rigore, trasformato alla grandissima dal proprio 10, che sferra sotto l’incrocio, dagli 11 metri, un tiro imparabile per Allison. La Roma si barrica in difesa, aggiungendo anche Fazio alla retroguardia: il centrocampo non fa filtro, l’uomo in meno pesa, ma a nulla valgono gli attacchi dei padroni di casa quando hai un cuore così grande (Andrè Silva ci mette ancora del suo sbagliando il gol del 2-1). Al triplice fischio finale, i giallorossi ottengono un ottimo punto, con annesso un gol segnato in trasferta, risultato niente male per Spalletti e co., pronti ad ospitare, al ritorno, i portoghesi all’Olimpico, tra un tifo infuocato e una battaglia da giocare e da vincere a tutti i costi, per continuare il cammino in Champions.

Esutanza del Monaco dopo l'1-2 segnato contro il Villarreal (ph. Sportmediaset.mediaset.it)

Esutanza del Monaco dopo l’1-2 segnato contro il Villarreal
(ph. Sportmediaset.mediaset.it)

L’altro big match di Champions League vede il Monaco vittorioso nella difficile trasferta del Madrigal, nonostante la risposta di Pato al vantaggio dei francesi messo a segno da Fabinho; Bernardo Silva, infatti, nella ripresa, mette a tacere le speranze del Villarreal, realizzando il definitivo 1-2 e consegnando 3 pesantissimi punti ai suoi, in vista del ritorno allo Stade Louis II. Il Plzen asfalta il Ludogorets con un netto 0-2, grazie alle marcature di MotiMisidjan, mentre al Celtic Park impazza la fiera del gol: RogicGriffithsDembeleBrown fanno scemare nel dimenticatoio i due acuti dell’Hapoel Beer Sheva, rispedita a casa con un devastante 5-2. In Irlanda, il Dundalk sprofonda in casa contro i polacchi del Legia VarsaviaNikolic su rigore e Prijovic nel recupero sanciscono lo 0-2 per gli ospiti. Nella giornata di martedì, incredibile è il successo del City di Guardiola, che, sul campo dello Steaua, piega, travolgendoli, i rumeni con un clamoroso 0-5: pensare che il Kun Aguero, nella serata in cui è autore di una tripletta, sbaglia anche due volte dal dischetto fa venire i brividi; il ritorno dovrebbe essere una formalità per i Citizens. Ajax e Dinamo Zagabria inchiodano il proprio cammino in Europa sullo stesso risultato, 1-1, nei match interni rispettivamente giocati contro RostovSalisburgo, mentre il Monchengladbach sbanca lo Stade de Suisse mettendo k.o. i padroni di casa dello Young Boys per 1-3.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *