Roma ko, Juventus pari: qualificazioni in bilico. PSG nella storia


La Roma perde a Madrid e la Juventus impatta 0-0 con il Barcellona: la qualificazione è ancora tutta da conquistare. Sette gol storici per il PSG

– di Marco Vigarani –

Dybala e Messi al termine di Juventus-Barcellona, finita 0-0 (ph. Zimbio)

Le notizie migliori per l’Italia della Champions League arrivano probabilmente dalla Juventus che ha lottato strenuamente con il Barcellona riuscendo a concludere l’incontro senza subire neanche un gol. Non accadeva dal successo sul Milan ed il ko di Genova aveva minato qualche certezza. In realtà i bianconeri hanno reso leggermente più in salita la strada verso la qualificazione ma sicuramente hanno accontentato mister Allegri che infatti ha dichiarato: “Era importante fare una prestazione di cuore, ma era importante anche fare punti per passare il turno“. Lo 0-0 di Torino ha visto i blaugrana non fare molto per vincere collezionando comunque le occasioni migliori mentre invece la Juventus non si è praticamente mai resa pericolosa (eccetto il lampo finale di Dybala) finendo per intepretare una sorta di 4-4-2 con esterni più o meno improvvisati. Ora servirà un successo esterno sul campo dell’Olympiacos per centrare la qualificazione senza attendere il risultato dello Sporting Lisbona che intanto ieri sera si è sbarazzato degli ellenici con un secco 3-1 griffato dalla doppietta di Bas Dost.

Splendida rovesciata di Griezmann, mattatore del secondo tempo di Atletico Madrid-Roma (ph. ZImbio)

Anche la Roma sarà artefice del proprio destino nell’ultimo turno ma ieri sera ha sprecato il primo match point: bastava un pareggio in terra iberica ma l’Atletico Madrid si è imposto per 2-0. Le reti di Griezmann e Gameiro hanno legittimato il dominio spagnolo nella ripresa dopo un avvio di gara invece nettamente di marca giallorossa con i giovani Gerson e Pellegrini a sprecare occasioni decisamente ghiotte. “Abbiamo fatto una partita alla pari – ha affermato Di Francesco – dire che ci siamo complicati la vita è troppo. Noi non giochiamo mai per pareggiare, secondo me siamo semplicemente mancati in cattiveria“. Più che i demeriti della Roma infatti va sottolineata la reazione dell’Atletico dopo l’intervallo e con essa anche la grande prova di Griezmann che oltre alla rete del vantaggio in rovesciata ha poi servito anche il pallone per il raddoppio. Ora i giallorossi potranno accedere al turno successivo battendo il Qarabag oppure attendere il risultato dell’altra sfida che vedrà i Colchoneros impegnati a Londra contro un Chelsea qualificato ma non certo del primo posto. Nonostante il poker realizzato in Azerbaigian (doppio William) infatti i Blues potrebbero teoricamente farsi soffiare il primato proprio dalla Roma.

Nel Girone A il Manchester United ormai qualificato ha lasciato al Basilea tre punti vitali per continuare ad inseguire il sogno. Gli elvetici non solo ringraziano Lang per il gol vittoria ma attendono l’ultimo turno a pari merito con il CSKA ma soprattutto in vantaggio negli scontri diretti con i russi che andranno a far visita ai Red Devils per chiudere il calendario. Tutto ampiamente deciso invece nel Girone B che lascia solo una gara al Bayern per provare a prendersi il primo posto ai danni del PSG. Gli uomini di Emery però hanno mostrato ancora una volta la propria forza devastante schiacciando per 7-1 il Celtic (doppiette di Neymar e Cavani) e prendendosi il record di squadra più prolifica della fase a gironi della Champions League.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *