Ronaldinho, una vita da… precario


A 36 anni suonati, l’ex stella di Barcellona e Milan non riesce a trovare una dimora fissa, saltando da una squadra all’altra con prestazioni occasionali

– di Luigi Polce –

Ronaldinho esulta con la maglia del Milan (ph. sky)

Ronaldinho esulta con la maglia del Milan (ph. sky)

Finale di carriera a dir poco turbolento per Ronaldo de Assis Moreira, meglio noto ai più come Ronaldinho, dopo un curriculum di tutto rispetto arricchito dalle esperienze con Psg, Barcellona e Milan con la conquista di una sfilza di trofei di squadra (2 Liga, una Champions League e un Mondiale col Brasile nel 2002 sono solo un assaggio del suo palmarès) e personali, con il Pallone d’Oro del 2005 a sigillare una superiorità del brasiliano, in quegli anni davvero secondo a nessuno. Terminata l’esperienza a Milano nel 2011, Ronaldinho torna in Brasile per vestire le maglie di Flamengo e Atletico Mineiro. Poi Querètaro in Messico, nel 2014-15, prima dell’ennesimo ritorno nel suo Paese d’origine dove iniziano le turbolenze: in pratica l’ex 10 del Barça non riesce a trovare una squadra dove stabilirsi e regalare gli ultimi lampi di un talento innato nonostante l’età avanzata. A settembre scorso, finita la sua avventura con il Fluminense, ha cominciato a girare il mondo con prestazioni occasionali: Florida Cup, ancora una volta col Fluminense, poi Barcelona de Guayaquil (Ecuador) per giocare la partita in onore dei 91 anni del club, risalente a fine gennaio. Nei giorni scorsi invece è arrivata la chiamata del Cienciano del Cusco, società militante nella seconda divisione peruviana, che aveva annunciato l’ingaggio per giugno di Dinho per almeno un paio di gare, mentre è di ieri la notizia che il Gaucho, il 22 giugno prossimo, scenderà in campo sempre in Perù per il derby fra Alianza Lima e Universitario de Deportes, disputando un tempo con ciascuna squadra. Insomma, non la degna fine per un calciatore che ha acceso le fantasie di tutti i tifosi e gli appassionati di calcio negli ultimi 15 anni.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *