Rossi e Corvino: “Buon Bologna penalizzato dagli arbitri”


Secondo Rossi e Corvino il Bologna, sconfitto dall’Udinese, è stato penalizzato dagli arbitri in vari episodi. Dispiaciuti ma pronti a rialzarsi Mounier e Brienza

– di Marco Vigarani –

Delio Rossi, tecnico del Bologna

Delio Rossi, tecnico del Bologna, è alla quinta sconfitta su sei gare di Serie A

Contro l’Udinese è arrivata la quinta sconfitta su sei gare di campionato condita dall’ennesimo infortunio di Giaccherini e da una rimonta subita che spegne ogni residuo di entusiasmo. Il Bologna però per bocca dei suoi protagonisti tende a minimizzare l’accaduto e cerca un facile riparo negli episodi arbitrali sfavorevoli più o meno gravi che avrebbero condizionato l’esito della gara. Il primo a parlare è il tecnico Delio Rossi, sempre più sulla graticola, che dice: “Per oltre settanta minuti ho visto un buon Bologna che ha fornito la miglior prestazione stagionale: se il campionato iniziasse oggi potrei ritenermi soddisfatto anche perchè rispetto alla gara sottotono di Firenze abbiamo fatto meglio. Invece siamo alla sesta giornata, i risultati sono negativi ed è naturale che la mia posizione sia in bilico visto che mi sento sempre così da quando ho iniziato a fare questo lavoro. Non sono però nella condizione di dover convincere nessuno e credo di poter centrare l’obiettivo anche se non sarà facile così come non lo è stato tornare in Serie A. Sto cercando di ottenere il massimo da questo gruppo e vorrei che i ragazzi fossero più sicuri dei propri mezzi ma invece nel finale è venuta a mancare la giusta attenzione, siamo calati a centrocampo e pur tenendo alto il ritmo ci siamo fatti schiacciare. Il gol del pareggio poi era in fuorigioco ma non se ne parla: vorrei discutere di episodi arbitrali solo quando vinco per non trasformarli in alibi ma Badu era oltre la linea della difesa e quella rete ha complicato tutto a maggior ragione visto che il Bologna è una squadra giovane che sta cercando la sua identità. Giaccherini era pronto, stava bene e si era allenato con noi: mi dispiace molto soprattutto per lui. Destro? Sta facendo meglio partita dopo partita, dobbiamo supportarlo migliorando l’intesa ma non posso rimproverare nulla nè a lui nè ai compagni“.

In mixed zone si presenta ancora il marcatore rossoblù Anthony Mounier che dichiara: “Sono felice per la seconda rete realizzata qui al Dall’Ara però il momento è difficile e siamo tutti delusi per questa sconfitta. Siamo un gruppo che lavora, è consapevole di essere sulla strada giusta ma purtroppo i risultati non sono dalla nostra parte. Oggi fino al gol del pareggio il Bologna ha fornito una buona prestazione sfiorando anche il raddoppio quindi non credo che meritassimo la sconfitta ma da domani dobbiamo iniziare a pensare alla sfida contro la Juventus che affronteremo con la consapevolezza di giocare contro una grande squadra ma con la stessa mentalità di ogni altra giornata“.

Pantaleo Corvino in conferenza stampa

Pantaleo Corvino conferma Rossi e recrimina contro le decisioni arbitrali

Il secondo protagonista a parlare è l’esperto Franco Brienza, oggi particolarmente impreciso, che spiega: “Oggi purtroppo parliamo di una brutta sconfitta che arriva dopo una buona prestazione in cui abbiamo pagato caro ogni errore. Sono però convinto che lavorando cresceremo, faremo tesoro dell’esperienza ed impareremo ad evitare determinati errori: non sarà una strada facile ma possiamo e dobbiamo giocarcela contro qualsiasi avversario. Siamo sempre andati in campo per fare bene e, a parte Firenze, ci siamo spesso riusciti. Sulle mie due occasioni sono stato prima sfortunato e poi devo fare i complimenti a Karnezis che ha fatto una gran parata“.

A completare il quadro, tornando sul tema delle recriminazioni arbitrali, ci pensa il ds Pantaleo Corvino che afferma: “Non sono affatto preoccupato perchè questo Bologna sta crescendo anche se poteva magari gestire meglio la gara. Nel secondo tempo va detto che ci sono stati episodi gravi che ci hanno penalizzato a partire da una distribuzione esagerata dei cartellini fino ad arrivare a tre falli di mano in area dell’Udinese sempre considerati involontari. Il mister resta e resterà al suo posto perchè questa è una squadra giovane compatta al 70% e che sta crescendo sia a livello di singoli che di collettivo: sarà un percorso lungo e faticoso, avevamo messo in conto possibili risultati negativi ma non gli episodi penalizzanti che abbiamo incontrato ad esempio oggi“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *