Rossi: “Taider deve ambientarsi. Floccari al Bologna? Vedremo”


Il presidente del Sassuolo Carlo Rossi è intervenuto durante il Pallone Gonfiato esprimendo il suo parere sul futuro di Floccari, la situazione di Taider e sul futuro del Bologna

– di Marco Vigarani –

Carlo Rossi, presidente del Sassuolo (ph. Zimbio)

Carlo Rossi, presidente del Sassuolo (ph. Zimbio)

Ieri sera l’edizione del lunedì del Pallone Gonfiato Classic ha avuto il piacere e l’onore di ospitare telefonicamente il presidente ed amministratore delegato del Sassuolo Carlo Rossi, reduce dall’ottimo pareggio ottenuto dai suoi ragazzi contro la Fiorentina che proietta i neroverdi stabilmente nella zona alta della classifica a caccia magari di un piazzamento utile per l’Europa League. Confermata la bontà del progetto emiliano e dichiarato candidamente l’obiettivo stagionale (“La proprietà ha chiesto di fare 10 punti in più dello scorso anno“), egli ha poi parlato anche di temi vicini alla realtà rossoblù ed espresso simpatia e stima per il Bologna. Si è partiti da un pensiero dedicato a Karim Laribi, ieri titolare in neroverde e fino a pochi mesi fa protagonista sotto le Due Torri: “Non sta trovando tanto spazio ma è stato uno degli artefici del nostro approdo in Serie A, si tratta di un ragazzo davvero straordinario che riesce a creare intorno a sè un ambiente estremamente positivo“. Con un salto verso il futuro, Rossi ha poi parlato della situazione di Sergio Floccari che nelle ultime ore è tornato nel mirino del Bologna per il mercato di gennaio: “Sergio è prima di tutto un grande uomo ed un ottimo professionista – ha spiegato – e mi fa piacere che ci siano richieste per lui visto che ogni volta che finisce sui giornali poi fa anche gol. Fa parte del nostro gruppo ma a gennaio valuteremo in base alle necessità del giocatore“.

Saphir Taider con la maglia del Sassuolo (ph. Zimbio)

Saphir Taider con la maglia del Sassuolo (ph. Zimbio)

Facendo un altro passo indietro, l’argomento si è spostato su Saphir Taider che appare finora un giocatore deludente al Bologna quanto lo fu al Sassuolo lo scorso anno: “Parliamo di un ottimo centrocampista ma anche di un ragazzo con un carattere particolare, introverso, che per rendere al meglio ha bisogno di ambientarsi nel modo giusto. Evidentemente finora in rossoblù non è riuscito a trovare l’ambiente giusto ma ha caratteristiche davvero importanti e vale assolutamente la pena insistere su di lui. Inoltre non credo affatto che si senta un giocatore da grande squadra e sottovaluti la piazza di Bologna. Anche perchè se voleva crescere di livello cosa doveva fare? Restare al Sassuolo?“. Rossi quindi conclude con parole di grande stima per la storia del club rossoblù ed un sincero auspicio per il futuro: “Bologna è assolutamente una grande piazza dove fare calcio. Forse lì vi lamentate troppo di una società con un blasone importantissimo ed una città che riempie lo stadio ogni domenica ma dovete essere consapevoli del vostro patrimonio. Inoltre la nuova proprietà credo e spero che possa garantire al club in futuro soddisfazioni ben maggiori di quelle che si sta togliendo in questo momento“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *