Sasso Marconi di nuovo primo, pois della discordia per il Progresso


Il Sasso Marconi guida l’Eccellenza, Granamica e Real San Lazzaro sulle gambe. Fa discutere la nuova divisa a pois del Progresso

– di Edoardo Frati –

Nuovo appuntamento e tantissime cose da raccontare per quanto riguarda le squadre bolognesi impegnate nel campionato di Eccellenza, che questa domenica presenterà l’ultima giornata di un girone d’andata fin qui avvincente e attualmente comandato proprio da una società legata alle Due Torri.
Parliamo ovviamente del Sasso Marconi, che nel giro di un paio di settimane ha conosciuto un saliscendi emotivo e agonistico difficilmente replicabile. Dopo la vittoria ai danni della Sampierana, il 27 novembre scorso, l’undici di Mister Moscariello si presentava in casa del Rimini come capolista ma non ancora come favorita del big match andato in scena il 4 dicembre, nella bolgia del Romeo Neri. Pronostico cinicamente e largamente confermato dalla corazzata romagnola che ha rifilato addirittura la “manita” ad un Sasso Marconi che, dopo appena 20 minuti, si ritrovava sotto di un gol e di un uomo per un rigore dubbio assegnato ai padroni di casa, sostenuti da più di 3000 persone; un incubo. Incubo dal quale ci si poteva svegliare solo attraverso una vittoria, arrivata puntuale e sudatissima una settimana dopo, in casa contro l’Argentana (1-0), mentre il Rimini si faceva clamorosamente sorprendere dal S. Agostino (1-0), squadra ostica ma di bassa classifica. Morale della favola: il Sasso Marconi ha perso lo scontro diretto 5-0, non ha più il miglior attacco del campionato (2°) né ha mai avuto la miglior difesa (8°) eppure è ancora meritatamente in testa alla classifica, con 11 vittorie nelle ultime 13 partite.

La maglia a pois del Progresso che sta facendo discutere

La maglia a pois del Progresso che sta facendo discutere

Altra compagine in salute del nostro calcio è il Progresso, che domenica ha dovuto sì faticare nella nebbia e nel fango di Castel Maggiore per strappare un pareggio al Granamica ma non perde ormai da un mese, nel quale ha raccolto 10 degli ultimi 12 punti disponibili, piazzandosi stabilmente alla 4° casella in griglia. Domenica la prova di maturità più difficile: il Rimini, nuovamente affamato di punti e di vendetta, che ultimamente sembra trovare terreno fertile contro le bolognesi ambiziose (4-0 al Granamica, 5-0 al Sasso Marconi). Servirà uno sforzo eccezionale agli uomini di Ghazvinizadeh, apparsi un po’ affaticati già domenica scorsa, i quali dovranno tirar fuori tutte le energie rimaste per tenere testa alla grande favorita del campionato e poi, solo dopo 90 minuti guerra, potersi abbandonare al riposo e ai piaceri della sosta natalizia. Big match della 19° giornata che gode anche di una discreta attenzione mediatica, alimentata dalla presentazione della collaborazione Kontatto – Progresso. Il main sponsor della Fortitudo Pallacanestro ha trovato la squadra e il momento giusto per farsi notare anche nel calcio: un’attenzione che gli sarà assicurata dalla muta da gara con cui scenderanno in campo i bolognesi contro il Rimini, una riproposizione in rossoblù dei discussi e discutibilissimi pois che caratterizzano già la maglia della Effe scudata di questa stagione.

Scendendo la classifica, un punticino dopo il Progresso troviamo il Granamica, che ha azzardato ma non compiuto il sorpasso nel derby di domenica scorsa. Non è bastato infatti il decimo centro stagionale di Girotti, a cui ha replicato il piattone di Gabrielli a 5 minuti dalla fine. Mezzetti e compagni hanno compiuto uno sforzo lodevole a inizio stagione ma adesso non vedono probabilmente l’ora di riposare per la sosta: ultimo ostacolo del girone d’andata il Castrocaro, 5 punti e 6 posizioni più in basso. Sembra stanco anche il Real S. Lazzaro, che dopo aver infilato 5 vittorie di fila a cavallo tra ottobre e novembre ne ha perse 3 delle ultime 4, sempre per 2-1 e sempre in rimonta, indice inequivocabile di un crollo sistematico nella seconda metà di partita. Domenica arriva poi una trasferta difficile sul campo di un Massa Lombarda apparentemente in salute e con due punticini in più in classifica: una vittoria con sorpasso sarebbe un bel regalo di Natale per i giocatori di mister Gelli. Il Corticella sembrerebbe invece in fase crescente e convalescente, anche se ancora malata di “pareggite”: un altro 1-1 è arrivato domenica scorsa quando forse si poteva fare qualcosa di più contro la Sampierana. Risultati analoghi ma di prestigio erano arrivati in trasferta a Rimini e quindi contro il Classe, inframezzati dalla vittoria importante e di misura contro il Bellaria. Ora arriva il Cervia (ultimo) in casa e si attende il recupero contro l’Argentana: due occasioni d’oro per mister Brunetti di portare punti dalla parte biancoazzurra di Castel Maggiore e risalire la china, lasciando la “terza fascia” di classifica del campionato di Eccellenza e agganciandosi a quel trenino di 12 squadre in 9 punti, il quale può portarti a sognare di nuovo nel giro di poche vittorie.

Il Sasso Marconi e proprio il Corticella potrete seguirli in diretta domenica dalle 14.30, insieme al Mezzolara (serie D), su Diretta Dilettanti, Radio Bologna Uno (FM 89.800 o streaming www.radiobolognauno.it)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *