Scandalo Infront: tremano Bari e Milan, c’è l’ipotesi riciclaggio


Continuano le indagini sui rapporti tra Infront ed i club italiani. Il Milan rischia di veder naufragare l’arrivo di Mr Bee, il Bari di essere penalizzato ma per Lotito e Preziosi si parla di riciclaggio

– di Marco Vigarani –

Bogarelli in compagnia di Galliani (ph. Zimbio)

Bogarelli in compagnia di Galliani (ph. Zimbio)

L’inchiesta nata dall’arresto del fiscalista Andrea Baroni prosegue e cerca di fare chiarezza sui rapporti che intercorrono tra Infront, advisor ufficiale della Serie A, e numerosi club del nostro calcio. Ogni giorno si moltiplicano le sedi visitate dalla Guardia di Finanza a caccia di indizi utili agli inquirenti milanesi ed ora trema il Milan che potrebbe veder scomparire l’investimento promesso dal magnate thailandese Bee Thaechaubol per il 48% del pacchetto azionario. Cliente della Tax&Finance a capo della quale c’era l’arrestato Baroni, il thailandese starebbe valutando la ritirata insieme ai teorici 480 milioni pronti per il rilancio dei rossoneri. Intanto in Serie B anche il Bari vive giorni d’angoscia visto che, essendosi affidato in toto ad Infront per la gestione degli spazi pubblicitari a differenza delle concorrenti della categoria, potrebbe incorrere in una penalizzazione da scontare a campionato in corso.

La Procura di Milano però sarebbe partita dall’esame sull’assegnazione dei diritti televisivi ravvisando azioni di turbativa dell’asta tra le concorrenti volte a favorire Mediaset. Proprio il mondo della società fondata da Berlusconi ha visto nascere e crescere le figure professionali di Bogarelli e dei suoi collaboratori che oggi gestiscono il colosso Infront ma che fino a pochi anni fa venivano significativamente definiti “Galliani-boys”. Attorno alla potente società si sarebbe riunito inoltre un gruppo di club fedelissimi che hanno affidato ad essa anche le proprie attività di marketing e che indirizzerebbero le scelte più importanti della Lega: si tratta di Milan, Lazio, Genoa e Sampdoria. In cambio di tale appoggio politico ci sarebbe il forte sospetto di finanziamenti occulti provenienti proprio da Infront ed inizia a circolare con sempre maggiore frequenza il sospetto di riciclaggio legato in particolare ai presidenti Claudio Lotito ed Enrico Preziosi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *