Se salta Ramirez ecco tutti i nomi per il centrocampo


La pista che porta a Gaston Ramirez sembra ormai chiusa definitivamente e allora il Bologna si è messo a caccia di un centrocampista. In lista Mati Fernandez, Dzemaili, Nocerino e tanti altri

– di Marco Vigarani –

Gaston Ramirez è pronto a lasciare il Southampton per tornare a Bologna (ph. The Sun)

Gaston Ramirez difficilmente tornerà a Bologna (ph. The Sun)

Sembra davvero destinata a tramontare l’idea di rivestire Gaston Ramirez con i colori rossoblù visto che i rapporti tra il ds Corvino e l’agente Betancur in questi giorni non si sono rinsaldati e le parti in causa non hanno fatto quel passo decisivo per avvicinare domanda ed offerta. Sarebbe stato necessario che il Bologna si scordasse del contratto da sei mesi più opzione e che il procuratore scendesse con le sue richieste sotto il milione di euro e invece ha regnato il silenzio. Non è così scontato che la pista sia chiusa ma anzi questo momentaneo disinteresse degli emiliani può essere anche una tattica per riprovarci più avanti quando gli ultimi giorni di mercato dovessero trovare Ramirez ancora a caccia di una squadra importante per il suo futuro. La certezza è che Donadoni ha fiducia nel ragazzo e pensa a lui come ad un jolly a tutto campo da impiegare praticamente in ogni ruolo dal centrocampo in su anche in ruoli che forse finora l’uruguaiano non ha quasi mai ricoperto.

Mati Fernandez può lasciare la Fiorentina in prestito (ph. Zimbio)

Mati Fernandez può lasciare la Fiorentina in prestito (ph. Zimbio)

Se però (come sembra attualmente) non sarà Ramirez a completare la rosa del Bologna, ecco che Corvino cercherà un centrocampista da offrire al suo tecnico molto probabilmente con la formula del prestito. Nelle ultime ore si è diffuso il nome di Blerim Dzemaili ma il Genoa non pare interessato a rinforzare una diretta concorrente così come il West Ham non vuole privarsi dell’ex blucerchiato Pedro Obiang che aveva sul tavolo una proposta anche del Napoli. Il nome più interessante per il Bologna allora può essere il viola Mati Fernandez, cercato già in estate ma ora pronto ad accettare una proposta di prestito dopo aver rinnovato con la Fiorentina fino al 2018: si tratta di un giocatore con meno qualità di Ramirez ma comunque utile anche in fase offensiva ma su di lui c’è da tempo anche la Sampdoria. I milanisti Antonio Nocerino e Jose Mauri restano solo alternative di seconda fascia come sembra tramontata anche l’idea Felipe Gutierrez del Twente mentre piace ancora il serbo Filip Djuricic mai utilizzato dal Benfica e potrebbero aprirsi spiragli per un ritorno in Italia dell’ex rossoblù Albin Ekdal. Non è invece stata considerata la facile opzione Fernando Tissone, proposto a numerose squadre per rientrare in Serie A dopo alcuni anni in Spagna.

Filippo Falco, nuovo acquisto del Bologna

Filippo Falco lascerà Bologna la prossima settimana: Novara o Cesena le destinazioni

In uscita infine ecco che il Bologna ha ormai definito quasi completamente lo sfoltimento della rosa promesso a Donadoni. Resta da piazzare in primis Robert Acquafresca che è stato proposto senza successo alla Salernitana e per il quale l’unica opzione valida potrebbe davvero essere il trasferimento in Canada per giocare con il Montreal Impact di Saputo. L’unico veramente certo di lasciare Casteldebole al momento sembra essere Filippo Falco che ha stuzzicato il vivo interesse di Novara e Cesena: nei primi giorni della prossima settimana avverrà il trasferimento in prestito fino a giugno. Gli esperti Domenico Maietta ed Archimede Morleo piacciono praticamente a chiunque in Serie B ma, dopo aver ascoltato alcune proposte, il Bologna starebbe pensando di trattenerli entrambi per non essere costretto ad ulteriori innesti nel reparto difensivo visto che oltretutto i due ragazzi godono della stima di mister Donadoni. Servirà poi un colpo da maestro di Corvino per trovare una soluzione al caso di Emil Krafth: le condizioni fisiche del ragazzo non solo gli impediscono di essere utile in campo ma anche di essere oggetto di trattative di mercato.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *