Semifinali: Modena e Perugia tornano in parità sfruttando il fattore campo


Partita sontuosa di Modena che vince contro Civitanova per 3 – 1, Perugia non demorde e con lo stesso risultato si impone su Trento

-di Beatrice Madia-

Un momento della sfida tra Modena e Civitanova (ph. ModenaVolley)

Per la prima semifinale fra la Cucina Lube Civitanova e l’Azimut Modena all’Eurosuole di Civitanova c’è il pubblico delle grandi occasioni e non mancano i supportes canarini che sono quasi 300. Parte forte Civitanova che si impone nel 1° set per 25 – 22, poi Modena ristabilisce l’equilibrio nel 2° set chiudendolo con uguale punteggio. Nel 3° set, Modena compie il sorpasso vincendo la frazione per 20 – 25, ma il 4° set rappresenta la prova d’orgoglio per i padroni di casa che si riportano sotto chiudendo il set per 25 – 19. L’ultimo e decisivo set è ad appannaggio dei marchigiani che si portano in vantaggio nella serie, sfruttando il fattore campo.
Prima dell’inizio di gara 2, in un PalaPanini vestito a festa con oltre 5.000 spettatori viene premiato Earvin Ngapeth come miglior giocatore dei quarti di finale playoff: sarà il preambolo di una prestazione straordinaria del transalpino. Tubertini schiera: Orduna – Vettori in diagonale, Le Roux – Holt in posto 3, Ngapeth – Petric bande e l’azzurro Rossini libero. Civitanova risponde con: Christenson – Sokolov, Stankovic – Candellaro, Juantorena – Kovar e Grebennikov libero. Un 1° set altalenante è a favore della Lube che lo chiude con il punteggio di 21 – 25. Il 2° set è contraddistinto dalle enormi polemiche scaturite a causa della mancanza del funzionamento del video check e si conclude con il punteggio di 27 – 25 per i canarini. Galvanizzati dal pareggio i padroni di casa fanno proprio anche il 3° set che viene chiuso con una “bomba” in battuta di sua maestà Ngapeth. 4° ed ultimo set dalle grandi emozioni: è un continuo susseguirsi di vantaggi annullati, ma i modenesi si aggiudicano set e match con il punteggio di 34 – 32. Gara 3 e la splendida serie fra queste due squadre riprenderà domenica 9 aprile.

Perugia riprende Trento in semifinale (ph. Perugia Volley)

La seconda semifinale ha per protagoniste la Diatec Trentino e la Sir Safety Conad Perugia. Al PalaTrento gara 1 si conclude a favore dei padroni di casa che si aggiudicano il match per 3 – 1 set ( 16 – 25; 25 – 22; 26 – 24; 25 – 22). Mpv del match è il martello della Diatec Trentino Urnaut che chiude il match con 11 punti, anche se il miglior realizzatore è Van De Voorde.
Sabato 25 marzo, i Block Devils, al PalaEvangelisti soddisfano la voglia di pareggio di tutti i loro sostenitori. Dopo l’amara sconfitta di gara 1 e l’infortunio in settimana del martello Russell, sembrava che per gli umbri la corsa allo scudetto fosse fortemente compromessa e invece tutti si sono dovuti ricredere. 1° set caratterizzato da un’ottima tenuta a muro dei trentini fino al 23 – 23, poi Perugia decide che è giunto il momento di mettere la freccia e dopo aver annullato 3 palle set chiude i conti per 30 – 28. Il 2° set riporta la partita in parità con il muro decisivo di Van De Voorde che chiude il set con il punteggio di 20 – 25. La 3° frazione di gioco vede inizialmente i padroni di casa scossi dal set appena perso, ma grazie agli errori degli avversari e alla poca incisività in attacco, riescono a rimanere nel set e addirittura ad aggiudicarselo con il punteggio di 25 – 19. La Diatec però non si arrende e nel 4° set si porta subito avanti per 4 – 8, ma Perugia è sempre li e con lo Zar Ivan Zaytsev ribalta la situazione e si porta sul 21 – 19. E’ proprio il contributo dello Zar a rappresentare lo strappo decisivo che porta la Sir a vincere il match per 25 – 22.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *