Serie B a 22 squadre, caccia all’ultimo posto


Cinque club lottano per il posto lasciato libero dal Siena: Novara, Juve Stabia, Reggina, Lecce e Matera, con i piemontesi avvantaggiati

di Marco Vigarani

Per ora l’unica certezza sulla Serie B sembra essere la sua data di inizio fissata il 29 agosto con l’anticipo tra Perugia e Bologna. Ancora però non è possibile neanche sapere il nome di tutte le ventidue squadre che si contenderanno i posti utili per la promozione visto che una decisione in merito arriverà soltanto lunedì 18. L’Alta Corte del CONI infatti ha nei giorni scorsi emesso un verdetto che obbliga al ripristino del format utilizzato fino alla scorsa stagione ma non si è ufficialmente espresso sull’identità del club che godrà di tale provvedimento sostituendo il fallito Siena nell’organico della competizione. Toccherà pertanto al Consiglio Federale prendere questa decisione che in ogni caso darà adito a nuove polemiche visto che finora sono ben cinque le squadre in lizza: Novara, Juve Stabia, Lecce, Reggina e Matera.

Logo_Serie_BVa precisato subito che i piemontesi sono sicuramente avvantaggiati rispetto alle altre formazioni perché non richiedono il ripescaggio dalla Lega Pro ma la riammissione in base alla classifica della scorsa stagione che li ha visti retrocedere soltanto al termine dei playout giocati contro il Varese. Crede però fermamente nel ritorno in Serie B anche la Juve Stabia, peggiore formazione dello scorso campionato con appena 19 punti conquistati, che ritiene nulla la richiesta di stilare il nuovo elenco dei partecipanti usando come base la classifica dell’ultimo anno. Tra i campani ed il Novara è in corso una dura battaglia senza esclusione di colpi con il presidente azzurro De Salvo che parla di “cose losche, e non certo da parte nostra” e la controparte che minaccia azioni legali. Nei giorni scorsi si è iscritta poi alla corsa al ripescaggio anche la Reggina, ultima avente diritto a causa della scomparsa del Padova, il cui presidente Foti ha dichiarato: “Ci siamo anche noi ad attendere sviluppi visto che non verrà presa in considerazione solo la classifica dello scorso anno, ma anche meriti sportivi e bacino d’utenza“.

Come se non bastasse, anche l’ambizioso Lecce che ha mancato sul campo la promozione in Serie B nella finale playoff contro il Frosinone ha scelto di puntare a riempire la casella lasciata libera dal Siena. Va a questo punto rilevato che anche il Sud Tirol, sconfitto dalla Pro Vercelli nell’altro girone di Lega Pro, sarebbe nella medesima condizione dei salentini ma ha deciso di non presentare richiesta di ripescaggio concentrandosi sul campionato meritato sul campo. Infine è notizia di ieri il tentativo decisamente velleitario del Matera che ha presentato la documentazione necessaria e per bocca del suo presidente Columella ha comunicato: “Ci crediamo davvero: con questa richiesta la nostra società vuole far capire alla FIGC che tutte le sessanta squadre di Lega Pro sono uguali“.

L’ultimo rilievo riguarda la fedina penale di Lecce e Novara che sono state recentemente coinvolte nello scandalo relativo al calcioscommesse e pertanto potrebbero non godere di particolare stima all’interno della Federazione anche se pure il presidente della Juve Stabia è stato rinviato a giudizio per frode sportiva: si fatica insomma a trovare dei santi. Ancora due giorni di pazienza e la matassa sarà dipanata con il Novara che probabilmente uscirà vincitore dalla contesa e tutti gli sconfitti pronti a minacciare ricorsi: il solito pasticcio estivo del calcio italiano.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *