Serie B, il Novara chiede il blocco dei campionati


Continua l’odissea per l’assegnazione dell’ultimo posto in Serie B. Il Novara ricorre al CONI chiedendo il blocco dei campionati

di Marco Vigarani

Massimo De Salvo, presidente del Novara

Massimo De Salvo, presidente del Novara

Escluso di fatto dalla possibilità di partecipare alla prossima Serie B, il Novara ha fatto valere i propri diritti presso il CONI presentando un ricorso che rischia di paralizzare buona parte del calcio professionistico italiano. Il club del presidente Massimo De Salvo infatti ha richiesto in via cautelare di inibire o sospendere l’inizio dei campionati di Serie B e di Lega Pro girone A ma anche del comunicato 171/A diramato dalla FIGC in merito al possibile ripescaggio in data 18 agosto con cui si era scelto di escludere dalla corsa al ventiduesimo posto lasciato libero dal Siena qualunque società che avesse subito sanzioni per illecito sportivo negli ultimi due anni. Il ricorso d’urgenza firmato dall’avvocato Di Cintio si basa sulla contestazione della legittimità del provvedimento preso dalla Federazione che invece avrebbe dovuto seguire le indicazioni avute pochi giorni prima dal Collegio di Garanzia del CONI e procedere all’integrazione di una squadra tramite riammissione invece che per ripescaggio.

Sul fatto che i piemontesi non avessero intenzione di accettare passivamente la decisione della FIGC non c’erano dubbi viste anche le parole del sindaco di Novara Andrea Ballaré il quale nelle scorse ore aveva dichiarato: “Avremmo potuto anche noi portare in piazza i tifosi e andare sui giornali con titoli roboanti. Non lo abbiamo fatto perché crediamo nella correttezza e nel rispetto delle regole, in tutti i campi. Purtroppo sembra che questa volta ci siamo sbagliati ma di fronte al disgustoso spettacolo che la Federazione sta dando di sé in questi giorni sono sicuro che proseguiremo la nostra battaglia“. Lo stesso primo cittadino aveva poi contattato il presidente della Lega di Serie B Andrea Abodi per lamentarsi ufficialmente del trattamento riservato al Novara e del clima di contrapposizioni interne al calcio italiano che sta danneggiando la regolarità della prossima stagione sportiva.

Va inoltre ricordato che, in seguito alla decisione presa dalla FIGC che aveva riaperto i termini per la presentazione della domanda di ripescaggio estendendoli fino al 25 agosto, sono stati già quindici i club attualmente iscritti alla Lega Pro che hanno prodotto la documentazione necessaria per sperare di trovare posto nella prossima Serie B.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *