Show del Palermo e di Felipe Anderson, Gomez disastroso


Top e Flop della 17^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Grande momento per il Palermo di Iachini che ha battuto per 5-0 il Cagliari

Grande momento per il Palermo di Iachini, vittorioso per 5-0 sul Cagliari

Palermo: la squadra di Iachini gira a mille. Dybala è il fenomeno e la sorpresa del campionato, poi ci sono tanti gregari fondamentali: da Sorrentino, autore sempre di parate decisive, passando per Barreto, motorino inesauribile di centrocampo, fino a Vazquez, fantasista dotato di grande tecnica e visione di gioco. Il 5-0 rifilato al Cagliari di Zola, ridotto in 10 per più di un’ora di gara, è lo specchio del momento magico dei rosanero che potrebbero essere la sorpresa di questo girone di ritorno;

Zaza (Sassuolo): una rete bellissima ma soprattutto pesantissima e che vale 3 punti inaspettati strappati dal Sassuolo a San Siro. Grandissimo movimento su calcio d’angolo per l’attaccante che impatta al volo trovando l’angolo alto alla destra di Diego Lopez che può solo guardare il pallone gonfiare la rete;

Higuain (Napoli): la vittoria della Supercoppa è servita moltissimo al morale del Pipita che è tornato il trascinatore di un tempo. Fulcro del gioco offensivo del Napoli, segna due reti e mette lo zampino nella altre due segnature, servendo prima Callejon e poi Hamsik in occasione dell’autogol di Capelli;

Felipe Anderson (Lazio): ormai non è più una sorpresa ma una costante. Ennesima partita ad altissimi livelli dove segna una rete bellissima e confeziona i due assist per le altre reti laziali di Djordjevic e Parolo. Con il ritorno di Candreva dopo l’infortunio Pioli dovrà probabilmente rivedere alcuni schemi per non rinunciare al talento brasiliano.

 

FLOP

periodo nero mario gomez

Continua il periodo nero di Mario Gomez

Gomez (Fiorentina): disastro totale. Oltre a divorarsi un paio di facili occasioni stavolta si mangia pure un calcio di rigore calciato malissimo addosso a Mirante. Fiorentina che prova per tutta la gara a raggiungere un pareggio che non arriva contro un Parma che si limita a difendere e ripartire in contropiede. A questo punto Montella probabilmente spera in qualche rinforzo dal mercato di gennaio perché il centravanti tedesco non pare in grado di sostenere l’attacco da qui alla fine della stagione;

Conti (Cagliari): con la squadra in netta difficoltà, dal capitano ci si aspettava una prova di carattere, invece Conti riesce a farsi espellere per doppia ammonizione dopo soli 26′ di gioco a causa di una trattenuta davvero ingenua a centrocampo su Vazquez. Lascia così la squadra, già in balia dell’avversario, in dieci uomini per oltre un’ora di gioco, facilitando la goleada palermitana. Per Zola un inizio da incubo;

Palombo (Sampdoria): altro capitano che alza bandiera bianca. La Lazio a centrocampo fa quello che vuole, Parolo e Felipe Anderson fanno impazzire il capitano blucerchiato che non riesce mai ad arginare lo strapotere biancoceleste in mediana;

Kovacic (Inter): non gioca una brutta partita ma nel momento di maggior nervosismo della gara, proprio quando era l’Inter ad avere il pallino del gioco, commette un fallaccio inutile entrando con il piede a martello su Lichtsteiner meritandosi il rosso diretto e costringendo Mancini ad inserire M’Vila al posto di Icardi per coprirsi, invece di continuare a spingere in avanti alla ricerca del gol vittoria.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *