Si svegliano Kone e Pasi, doppiette di Moscardelli e Loviso


Belle soddisfazioni per gli ex rossoblù ancora in Italia con i gol decisivi di Kone e Pasi ma anche le doppiette di Moscardelli e Loviso. Ottimo assistman Meggiorini, male Bernacci

– di Marco Vigarani –

Panagiotis Kone ha segnato il primo gol del suo campionato a Udine (ph. Zimbio)

Panagiotis Kone ha segnato il primo gol del suo campionato a Udine (ph. Zimbio)

L’uomo copertina per quanto riguarda gli ex rossoblù che ancora militano in Italia è sicuramente Panagiotis Kone, autore di un gol decisivo contro la Fiorentina che ha fissato il risultato sul 2-2: si tratta della prima marcatura nel campionato 2014/15 per il trequartista greco arrivata grazie ad un intervento in scivolata su un cross teso di Di Natale. Inarrestabile anche l’attaccante Riccardo Meggiorini nelle nuove vesti di rifinitore e giunto al terzo assist consecutivo: è lui a servire di tacco il pregevole pallone trasformato in gol da Paloschi nella vittoria del Chievo sul Palermo. Ancora una volta prestazione solida anche quella di Viviano tra i pali della Sampdoria ma non demeritano neanche i parmigiani Costa e Belfodil nonostante la sconfitta patita in casa per mano del Torino con l’attaccante che colpisce anche un palo. Affondano invece i palermitani Maresca e Terzi che però scendono in campo con continuità a differenza dei viola Gilardino e Diamanti diventati ormai poco più che spettatori.

Esordio per Mantovani con la maglia del Perugia (ph. Perugia)

Esordio per Mantovani con la maglia del Perugia (ph. Perugia)

Nonostante la sconfitta subita in casa per mano dello Spezia, il miglior ex rossoblù in Serie B è sicuramente Francesco Valiani, centrocampista del Latina che ha centrato anche un palo clamoroso a pochi minuti dal termine della gara. Detto della solida prestazione dell’ormai solito Di Gennaro del Vicenza che ha contribuito al successo 2-1 a Modena, va segnalato anche il ritorno in campo da titolare con la maglia del Perugia del difensore Andrea Mantovani: la sua ultima presenza risaliva al 13 aprile 2014 in occasione di Parma-Bologna. Dopo essere tornato al Palermo, viste chiuse le porte della prima squadra, aveva rescisso il suo contratto restando svincolato fino alla chiamata del club umbro arrivata ad inizio febbraio. Sicuramente deludenti invece le gare dei catanesi sconfitti Gillet e Capuano così come i ritorni in campo da titolari di Galabinov e Pasquato che dimostrano di non meritare la fiducia dei tecnici rispettivamente di Livorno e Pescara.

Splendido gol per Riccardo Pasi a Cremona (ph. Cremonese)

Splendido gol per Riccardo Pasi a Cremona (ph. Cremonese)

Scendendo quindi in Lega Pro troviamo due doppiette assolutamente decisive ed una prodezza di un recentissimo ex rossoblù come Riccardo Pasi, subentrato a mezz’ora dal termine e subito pronto a scaricare un destro sotto l’incrocio da 25 metri che ha consentito alla Cremonese di pareggiare contro il Real Vicenza nonostante l’inferiorità numerica. Successo per 2-1 del Gubbio che ringrazia le abilità balistiche di Massimo Loviso, a segno prima su calcio di punizione poi dal dischetto del rigore raggiungendo così quota undici reti stagionali, mentre invece il Lecce ha trionfato 3-0 contro l’Aversa Normanna, sospinto da una doppietta di Davide Moscardelli. Da segnalare inoltre le buone prestazioni di Mingazzini e Bassoli ma anche, scendendo fino in Serie D, l’espulsione rimediata da Marco Bernacci nel finale di Fiorenzuola-Bellaria.

 

TOP FLOP
Kone – il greco non ha dimenticato come si decidono le partite: il primo gol in campionato arriva al termine di una prestazione finalmente convincente Diamanti – a Firenze sembrava un grande amore ma i ritorni di Ilicic e Gomez uniti all’esplosione di Salah lo hanno reso un panchinaro di lusso
Pasi – controllo, movimento e tiro perfetto gli consentono di siglare una rete splendida ed importantissima per la Cremonese Bernacci – dopo alcune gare importanti, conclude la sfida contro il Fiorenzuola rimediando un cartellino rosso decisamente evitabile
Loviso – il centrocampista trascina letteralmente il Gubbio con una doppietta su calcio piazzato che dimostra l’educazione del suo piede Pasquato – torna titolare nel Pescara e la sua presenza in campo è completamente inutile: si nota solo al momento del cambio
Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *