Sogno doppio ripescaggio per Virtus e Fortitudo


Caserta non è ancora in regola e quattro società dovranno rinunciare all’Eurocup per iscriversi alla A1: Virtus e Fortitudo sono pronte al ripescaggio

– di Marco Vigarani –

Lega Basket

La posizione dei club aderenti all’Eurocup apre diverse possibilità di ripescaggio per Virtus e Fortitudo

Ritrovato il derby nella sua forma minore, il primo della storia in A2, Bologna in queste ore sta però cullando anche il sogno di un ritorno immediato di Virtus e Fortitudo nel massimo campionato. Si è aperto infatti uno spiraglio interessante per quanto di difficile realizzazione che consentirebbe il ripescaggio di entrambe le formazioni felsinee portando così ad una vera e propria rivoluzione nelle dinamiche della pallacanestro italiana. Da una parte resta ufficialmente in bilico la situazione di Caserta visto che le notizie che arrivano dalla Campania negli ultimi giorni sono decisamente contraddittorie e alla diffusa fiducia si oppone la dura realtà di una fideiussione che, teoricamente pronta, non è ancora stata presentata: il tempo limite è fissato nel 13 luglio e non è ancora chiaro se il patron Iavazzi avrà o meno la forza di mantenere la categoria. Lo scenario nuovo però riguarda la famosa questione della Eurocup, nuova competizione non riconosciuta dalla FIBA e quindi considerata fuorilegge anche dalla FIP. I quattro club italiani che hanno aderito alla manifestazione, all’atto dell’iscrizione alla prossima A1, dovranno presentare anche una rinuncia ufficiale all’Eurocup: pena l’immediata cancellazione dagli elenchi federali. Le squadra in questione sono Reggio Emilia, Trento, Sassari e Cantù e potenzialmente quindi, se nessuna di esse decidesse di fare un passo indietro, si aprirebbero scenari inediti che permetterebbero non solo alla Virtus di accedere immediatamente al ripescaggio ma anche a tre squadre di A2 di percorrere la medesima strada. In tal caso si faranno avanti Fortitudo, Treviso e Scafati. Si tratta per il momento di uno scenario del tutto ipotetico visto che risulta incredibile pensare che i quattro club sopra citati possano davvero rinunciare alla A1 per prendere parte all’Eurocup ma da Bologna i dirigenti di entrambe le squadre vegliano sulla vicenda, pronti a chiedere massimo rigore da parte della FIP nell’applicazione delle norme. Il termine anche in questo caso sarebbe fissato nel 13 luglio con l’iscrizione ma in realtà già il 7 saranno resi noti i gironi della competizione internazionale e si saprà se le squadre italiane avranno o meno rinunciato.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *