Sorteggio da incubo per le italiane in Europa League


Nei sorteggi di Europa League, Inter e Torino trovano Wolfsburg e Zenit mentre Fiorentina e Roma si sfideranno nel derby. Più fortunato il Napoli che se la vedrà con la Dinamo Mosca

– di Marco Vigarani –

Garcia e Montella si sfideranno nel derby italiano di Europa League (ph. Zimbio)

Garcia e Montella si sfideranno nel derby italiano di Europa League (ph. Zimbio)

Non c’è stato neanche il tempo per celebrare le gesta sul campo che ieri sera hanno condotto cinque squadre italiane agli ottavi di Europa League, che il sorteggio ha rovinato l’atmosfera. Nell’urna di Nyon infatti il destino ha remato contro le speranze dei club di Serie A che perderanno sicuramente almeno una rappresentante. Andrà infatti in scena il derby fratricida tra Fiorentina e Roma che farà cadere una testa importante ma anche altre due squadre rischiano molto contro gli avversari estratti. Inter e Torino infatti dovranno vedersela rispettivamente contro Wolfsburg e Zenit, due delle formazioni più impegnative dell’intera competizione: in particolare i granata di Ventura sono chiamati a compiere la seconda impresa dopo aver eliminato l’Athletic Bilbao. Urna più benevola invece per il Napoli che si giocherà l’accesso ai quarti nel doppio confronto con la Dinamo Mosca.

Per quanto riguarda gli altri accoppiamenti c’è da segnalare un altro derby che vedrà impegnate Villarreal e Siviglia dimezzando quindi le possibilità della Spagna di aggiudicarsi la competizione. Il Besiktas che ieri ha eliminato a sorpresa il Liverpool dovrà fare i conti invece con un avversario piuttosto abbordabile come il Bruges mentre l’Ajax è stato accoppiato con il Dnipro, squadra certamente non irresistibile. Completa il quadro degli ottavi di finale di Europa League la sfida tra Everton e Dinamo Kiev: l’andata è prevista per il 12 marzo ed il ritorno per il 19.

Everton – Dinamo Kiev
Dnipro – Ajax
Zenit – Torino
Wolfsburg – Inter
Siviglia – Villarreal
Napoli – Dinamo Mosca
Club Brugge – Besiktas
Fiorentina – Roma

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *