Spalletti conferma Sabatini. Osti in pole position per il Bologna


Oggi Spalletti ha confermato che Sabatini resterà alla Roma e quindi il Bologna deve cambiare obiettivo. Osti più di Ausilio e Bigon come nuovo ds

– di Marco Vigarani –

Walter Sabatini, ds della Roma in scadenza a giugno (ph. Zimbio)

Spalletti ha confermato la permanenza a Roma di Sabatini (ph. Zimbio)

Contatti non quotidiani, ma sicuramente settimanali. Mesi di rapporti sempre più intensi sotto traccia con tanto di presentazione a Joey Saputo. Eppure il nome di Walter Sabatini non è forse mai stato così lontano dal Bologna. L’amministratore delegato Claudio Fenucci, che lo conosce bene e lo stima dai tempi del lavoro insieme a Roma, sta facendo di tutto per sbrogliare una matassa alquanto complessa ma oggi la missione pare destinata a fallire nonostante il gradimento dell’attuale ds giallorosso per il club emiliano. Perchè è vero che Sabatini apprezzerebbe l’ipotesi di prendere il posto di Corvino a Bologna, ma lo è altrettanto che non disprezza neanche la possibilità di restare a lavorare per la società di James Pallotta alla quale è legato da un ottimo contratto fino al 2017. A dimostrazione di questo legame mai spezzato con la Roma ci sono le tante trattative già portate avanti in queste settimane a beneficio del futuro della squadra capitolina, non ultima la richiesta avanzata proprio al Bologna per anticipare la Juventus e diversi club stranieri nella corsa ad Amadou Diawara. In pratica la Roma continua ad avere un direttore sportivo capace che prosegue nel suo lavoro nonostante le voci di un suo possibile trasferimento mentre il Bologna ha di fatto esautorato un altrettanto abile professionista come Corvino ed oggi è praticamente immobile sul mercato in attesa di ingaggiare un sostituto.

Carlo Osti (ph. LaPresse)

Carlo Osti è in pole position come ds del Bologna (ph. LaPresse)

Anche se il mondo del calcio è fatto di clamorosi dietrofront, le parole spese oggi dal tecnico romanista Spalletti non solo confermano la stima dello staff tecnico nel proprio responsabile di mercato ma suonano anche come una pietra tombale sulle speranze di Fenucci di ingaggiare Sabatini. “Non è semplice migliorare la squadra – ha detto il mister giallorosso – ma la Roma ha un direttore bravo come Sabatini ed un ottimo capo osservatore: si faranno trovare pronti. Se Sabatini resta con noi? Per me resta sicuro“. Ecco allora che il mirino del Bologna deve tornare a spostarsi su obiettivi differenti che, pur da valutare nel loro eventuale operato, hanno sicuramente un curriculum meno importante della prima scelta. Si tratta di Riccardo Bigon che però è impegnato nella ricerca del nuovo tecnico per il Verona, Piero Ausilio che recentemente parla da sicuro dirigente interista (“Sto programmando il futuro con Mancini“) e soprattutto Carlo Osti. L’attuale ds della Sampdoria in particolare oggi sembra essere in pole position per l’incarico in rossoblù visto che da tempo ormai è pronto a lasciare Genova dopo i recenti dissapori con Montella, è stato consigliato a Fenucci dallo stesso Sabatini e potrebbe gestire alcune operazioni gradite al Bologna come l’approdo sotto le Due Torri dell’attaccante colombiano Muriel.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *