Splendida Virtus, dominante Lawson: Treviso deve arrendersi


Che vittoria per la Virtus nel recupero contro Treviso! I bianconeri si impongono 63-55 con 22 punti di Lawson e tornano secondi in classifica

– di Marco Vigarani –

Oxilia a canestro durante la sfida contro Treviso (ph. Virtus)

Oxilia a canestro durante la sfida contro Treviso (ph. Virtus)

Dopo la vittoria di Udine c’era di bisogno di un segnale importante da parte della Virtus nella dura sfida a Treviso, una delle candidate alla promozione. La squadra di coach Ramagli ha risposto presente con una gara praticamente perfetta di grande intensità in cui l’estro di Lawson ha valorizzato al massimo la prestazione del gruppo, esaltato in particolare nella metà campo difensiva. Chiudere le maglie dietro è stato l’ordine immediato di scuderia in casa Virtus e l’interpretazione è stata subito positiva inceppando i meccanismi di Treviso per la disperazione di coach Pillastrini. Dopo un primo quarto di studio, i bolognesi hanno iniziato a premere delicatamente sull’acceleratore trovando non solo Umeh e Lawson ma anche Rosselli a dare in contributo importante per superare la doppia cifra di vantaggio entro l’intervallo lungo. Polveri bagnate in attacco in avvio di terzo periodo per le Vu Nere ma la difesa continua a lavorare con determinazione feroce con menzione d’onore per Michelori su Ancellotti. Treviso torna pericolosamente vicina nei primi minuti dell’ultimo quarto ma a quel punto Lawson decide di sbrigare la pratica martoriando la retina tanto da sotto canestro quanto dalla lunga distanza risultando praticamente immarcabile ma anche decisivo in difesa con una stoppata di puro agonismo su Perry che fa calare i titoli di coda su una vittoria meritata. Ora il secondo posto proprio in compagnia dei veneti è il giusto premio per una Virtus che sta mostrando qualcosa di importante: saranno i prossimi mesi a dire se basterà per guardare di nuovo al paradiso.

Soddisfazione ma anche basso profilo per coach Ramagli che nel postpartita racconta: “Abbiamo dato continuità alla partita di Udine, abbiamo sempre fatto noi la gara e questa è la nostra identità. Complimenti ai miei ragazzi che oggi sono stati sopra i nostri avversari e controllato praticamente sempre la partita. Questo gruppo deve passare da brutte sconfitte e belle vittorie, ma anche da gare come quella di oggi con i riflettori tutti puntati addosso“.

SEGAFREDO BOLOGNA-DE LONGHI TREVISO 63-55
(13-12; 34-21; 46-34)
SEGAFREDO BOLOGNA: Spissu 5, Umeh 12, Pajola, Spizzichini, Petrovic 2, Ndoja ne, Rosselli 7, Michelori 3, Oxilia 7, Penna 5, Lawson 22. All: Ramagli.
DE LONGHI TREVISO: Perry 12, La Torre 3, Moretti 12, Malbasa, Barbante ne, Fantinelli 4, Saccaggi 6, Rinaldi 2, Poser ne, Ancellotti 11, Marini ne, De Cosey 5. All: Pillastrini
NOTE: t2 BO 14/31 TV 13/34; t3 BO 8/33 TV 5/15; tl BO 11/12 TV 14/15; rimb BO 23-11 TV 27-7.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *