Subito Constant? Poi più Tachtsidis di Dzemaili


Il Bologna sta pensando di ingaggiare lo svincolato Kevin Constant, ex Milan, per poi chiudere per un centrocampista tra Dzemaili e Tachtsidis. Ramirez sempre più lontano

– di Marco Vigarani –

Constant ha giocato 45 partite con la maglia del Milan (ph. Zimbio)

Constant ha giocato 45 partite con la maglia del Milan (ph. Zimbio)

Contro il Sassuolo è toccato ad Archimede Morleo scendere in campo ed il capitano rossoblù ha sfoderato una delle sue migliori prestazioni abbinando la consueta generosità ad un buon livello tecnico. La vittoria di Reggio Emilia però potrebbe essere stata l’ultimo atto del terzino brindisino che, consapevole di avere molto mercato in Serie B, sarebbe pronto a salutare Bologna dopo cinque stagioni e mezzo. Su di lui c’è da tempo in pressing il Bari ma monitorano la situazione anche Cesena e Ternana e, vista la professionalità del ragazzo, il club felsineo starebbe seriamente pensando di accettare le richieste lasciandolo libero di proseguire altrove la sua carriera. Ovviamente però Donadoni non può restare scoperto di un’alternativa a Masina nel ruolo di terzino sinistro ed ecco allora l’idea di ingaggiare Kevin Constant, duttile esterno classe 1987 già visto in Italia con le maglie di Chievo, Genoa e Milan. Nato in Francia ma naturalizzato guineiano, il ragazzo è svincolato da poco più di due mesi in seguito alla brusca interruzione del suo rapporto con il Trabzonspor in seguito ad alcune intemperanze dentro e fuori dallo spogliatoio. L’idea stuzzica Corvino che inserirebbe così in organico un uomo di esperienza in grado di rendersi utile in varie zone del campo ma la trattativa richiederà ancora qualche giorno per poter giungere a conclusione.

Sono state 34 le presenze dello scorso anno di Tachtsidis al Verona (ph. Zimbio)

Sono state 34 le presenze dello scorso anno di Tachtsidis al Verona (ph. Zimbio)

Intanto il Bologna è a caccia di un centrocampista per completare il reparto ed in particolare vorrebbe inserire in rosa un uomo in grado di dare più qualità e pericolosità alla manovra. L’idea Pedro Obiang è tramontata di fronte al no opposto dal West Ham che ha negato il suo atleta anche ad altri club italiani come Palermo e Napoli mentre anche la pista che conduceva al cileno Mati Fernandez è diventata più impervia a causa della stima di Paulo Sousa nei confronti del ragazzo, fresco di rinnovo fino al 2018. Quest’ultima soluzione potrebbe sbloccarsi solo in caso di arrivo a Firenze di Cigarini ma intanto il Bologna si guarda intorno ed in particolare bussa alla porta del Genoa. Su Blerim Dzemaili è arrivato il veto dettato dal timore di rinforzare una diretta concorrente con un calciatore capace di fare la differenza e allora ecco che il discorso si è spostato su un altro ragazzo considerato un vero e proprio esubero dal club di Preziosi. Si tratta del greco Panagiotis Tachtsidis, centrocampista dotato di gran fisico e di un passo piuttosto lento che però è da settimane sul taccuino del Torino. E Gaston Ramirez? Le trattative dell’agente con i club inglesi non sembrano aver portato ad un accordo ma il suo futuro sarà comunque lontano dal Southampton. Al momento sembra quasi impossibile pensare ad un ritorno di fiamma del Bologna che, nonostante il desiderio di Donadoni, ha presentato finora offerte ritenute inaccettabili.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *