Subito doppietta Mercedes, Vettel amaro terzo


In Australia il primo gp della stagione va a Rosberg seguito da Hamilton. Vettel parte bene ma chiude terzo dopo lo spaventoso incidente di Alonso

– di Marco Vigarani –

Terribile incidente per Alonso a Melbourne (ph. Zimbio)

Terribile incidente per Alonso a Melbourne (ph. Zimbio)

Se si pensa all’esordio dell’anno scorso non può che scappare un mezzo sorriso ai tifosi della Ferrari dopo questo primo gp del 2016 andato in scena a Melbourne. La scuderia italiana infatti ha dimostrato di aver fatto davvero passi avanti da gigante in questi mesi invernali colmando almeno parte del gap esistente con la Mercedes ma bisognerà capire in futuro se il margine di differenza restante sia ulteriormente annullabile. Sicuramente la partenza che ha visto Vettel e Raikkonen scattare davanti a tutti prendendo il comando della corsa ha fatto esultare gli appassionati della penisola in collaborazione con un avvio scellerato di Rosberg che ha bloccato il compagno Hamilton facendolo scivolare addirittura al sesto posto e mandando in crisi l’intera strategia del team. Costrette a rincorrere, le Mercedes hanno scelto di utilizzare Rosberg per lanciare l’inseguimento alle Ferrari lasciando a Hamilton, equipaggiato in anticipo di gomme medie, il tempo di attendere l’evolversi della gara e la sorte ha sorriso ai campioni in carica. Al 17esimo giro infatti un disastoso incidente tra Alonso e Gutierrez (entrambi fortunatamente salvi nonostante il disastro di lamiere avesse fatto temere il peggio) ha portato al rientro ai box con sospensione della gara per una ventina di minuti in seguito ai quali la safety car ha annullato i distacchi. Poco dopo la Ferrari ha assistito al ritiro di Raikkonen per un problema tecnico e soprattutto fallito nel pit stop decisivo con un ritardo fatale a Vettel che ha quindi dovuto forzare nella rimonta rischiando anche di uscire per recuperare le posizioni perdute.

Vettel terzo applaude il vincitore Rosberg (ph. Zimbio)

Vettel terzo applaude il vincitore Rosberg (ph. Zimbio)

In seguito al rischio corso, il ferrarista ha poi saggiamente preferito accettare un terzo posto piuttosto positivo che comunque lascia l’amaro in bocca: “Ho provato di tutto – ha detto Vettelperchè volevamo di più. Siamo riusciti a imporre il nostro ritmo, poi la bandiera rossa non ci ha certo aiutato. Non siamo ancora al punto dove vorremmo essere“. Più ottimista invece il compagno di squadra Raikkonen che ha dichiarato: “Il mio è stato un episodio sfortunato. Sapevamo di non essere lontani dalle Mercedes. In gara abbiamo velocità, ma poi i gran premi bisogna finirli. C’è ancora tanto lavoro da fare, ma la velocità c’è“. Parola infine per il team principal di Maranello Maurizio Arrivabene: “Siamo partiti bene ed avevamo 12 secondi di vantaggio quindi è un peccato. Abbiamo provato una strategia più aggressiva, col senno di poi avremmo potuto cambiare, ma insomma ci siamo e questa è la cosa più importante“.

Classifica piloti
Rosberg 25; Hamilton 18; Vettel 15; Ricciardo 12; Massa 10; Grosjean 8; Hulkenberg 6; Bottas 4; Sainz 2; Vertappen 1; Palmer, Magnussen, Perez, Button, Nasr, Wehrlein, Kvyat, Alonso, Gutierrez, Ericsson, Haryanto, Raikkonen 0.

Classifica squadre
Mercedes 43; Ferrari 15; Williams 14; Red Bull 12; Haas 8; Force India 6; Toro Rosso 3; Renault, McLaren, Sauber, Manor 0.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *