Super Montano: la Fortitudo sfata il tabù esterno


La Fortitudo sbanca Recanati e trova il primo successo esterno della stagione. Montano sugli scudi con 27 punti, ha guidato la Effe con una prova eccelsa

– di Massimo Righi –

Matteo Montano, uomo della provvidenza a Recanti con ben 27 punti siglati (ph. Fortitudo.it)

Matteo Montano, uomo della provvidenza a Recanti con ben 27 punti siglati (ph. Fortitudo.it)

Meglio tardi che mai. Per la legge dei grandi numeri, prima o poi doveva succedere e la Fortitudo ha vinto la prima gara esterna della stagione andando a sbancare Recanati. Re indiscusso della vittoria è stato Matteo Montano, autore di 27 punti dei 63 totali messi a referto dalla Effe. Sono solo 6 i giocatori andati a segno per Bologna che dopo aver anche rischiato l’ennesimo ko, ha tenuto botta nel finale di gara riuscendo a sfatare il tabù trasferta.

Che Montano sia in giornata di grazia lo si capisce sin dalle prima battute, quando il play bolognese inizia subito a fare la differenza infilando un canestro dopo l’altro. La Fortitudo gioca la sua partita, Recanati cerca di stare in scia, ma Bologna non concede troppo e chiude il primo mini tempo sul 12-18. I padroni di casa suonano la carica e si rifanno prepotentemente sotto, sfruttando un calo di concentrazione della Fortitudo, ma lo sbandamento dura poco perché Montano è incontenibile e continua a fare impazzire i marchigiani. L’allungo è notevole e Bologna chiude avanti di 13 al giro di boa, 24-37.

Non sarà un trionfo, perché Bologna molla la presa dopo un ulteriore allungo permettendo così a Recanati di riaprire la gara, sfruttando alcune imprecisioni e leggerezze ospiti che costano caro. Per fortuna che la Effe si aggrappa a Montano e a Sorrentino, perché dagli altri non arrivano punti. Alla terza sirena, la Fortitudo comanda solo di 5, precisamente 39-46. La situazione non cambia, Bologna resta davanti soffrendo e affidandosi sempre al n°14. Troppo poco e infatti Recanati si avvicina soprattutto con gli acuti di Lawson che portano al sorpasso prima che la benzina finisca. La Fortitudo ha però un sussulto finale che le fa rimettere la freccia grazie alle giocate difensive ed ai centri preziosi di Daniel e Sorrentino, prima della tripla del sipario tirata da Montano (27 punti). 57-63, Fortitudo corsara per la prima volta.

Recanati 57: Pierini 19, Traini 4, Bonessio, Lawson 13, Sollazzo 8, Braida, Forte, Lauwers 9, Nwokoye, Procacci 4, Amorese, Maspero. All. Zanchi

Fortitudo 63: Daniel 11, Montano 27, Sorrentino 13, Italiano 5, Raucci 5, Errera, Quaglia, Candi, Iannilli, Campogrande, Carraretto 2. All. Boniciolli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *