Svezia tra le prime otto! L’Inghilterra supera la Colombia solo ai calci di rigore


La Svezia passa il turno eliminando la favorita Svizzera grazie ad un tiro di Forsberg deviato da Akanj. La Colombia sfiora l’impresa raggiungendo l’Inghilterra all’ultimo con la rete del solito Mina ma venendo poi sconfitta ai rigori; decisivi gli errori di Uribe e Bacca

di Francesco Ferrari

SVEZIA-SVIZZERA 1-0

Marcatori: 21′ st Forsberg

Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig (36′ st Kraft), Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson, Svennson, Ekdal, Forsberg (36′ st M. Olsson); Berg (44′ st Thelin), Toivonen. All. Andersson.

Svizzera (4-2-3-1): Sommer; Lang, Djourou, Akanj, Rodríguez; Behrami, Xhaka; Shaqiri, Dzemaili (27′ st Seferovic), Zuber (27′ st Embolo); Drmic. All. Petkovic.

Arbitro: Skomina (SLO)

Note: ammoniti Lustig (Sve), Behrami (Svi), Xhaka (Svi); espulso: Lang (Sve).

La rete di Forsberg porta la Svezia ai quarti di Russia 2018

Si affrontano due squadre estremamente compatte e attente tatticamente; infatti il primo tempo si chiude con pochissime occasioni da gol; la più clamorosa capita a Berg che esalta i riflessi dell’estremo portiere svizzero Sommer, anche oggi tra i migliori dei suoi. Poi Ekdal, altra ex conoscenza del nostro campionato, manda altissimo da buona posizione. Prima della pausa anche il bolognese Dzemaili ha una buona chance per segnare ma la sua conclusione termina di molto a lato. La ripresa non offre uno spettacolo diverso anche se è la Svezia ad essere più propositiva. Al 21′ l’episodio che decide la gara, Forsberg riceve al limite dell’area, disorienta il marcatore con una finta di corpo e lascia partire un tiro non irresistibile ma che trova la deviazione fortuita di Akanji, che spiazza inesorabilmente Sommer. Timida reazione svizzera, pericolosa con Seferovic ma è la Svezia ad amministrare il gioco e volare incredibilmente ai quarti di finale di Russia 2018 e prenotare un posto tra le prime otto al mondo.

 

COLOMBIA-INGHILTERRA 1-1 (4-5 d.c.r.)

Marcatori: 12′ st rig. Kane; 45’+3 st Mina

Colombia (4-3-3): Ospina, Arias (26′ st Zapata), Davinson, Mina, Mojica, Barrios, Sanchez (34′ Uribe), Lerma (16′ st Bacca), Cuadrado, Quintero (43′ st Muriel), Falcao; All. Pekerman

Inghilterra (3-4-3): Pickford; Walker (23′ st Rashford), Maguire, Stones; Trippier, Henderson, Alli (36′ st Dier), Young (12′ pt Rose); Lingard, Kane, Sterling (43′ st Vardy); All.Southgate

Arbitro: Geiger (USA)

Note: ammoniti Barrios, Arias, Sanchez, Falcao, Bacca, Cuadrado (C); Henderson, Lingard (I)

Dier esulta: ha appena realizzato il rigore che porta l’Inghilterra ai quarti

Una delle sfide più attese di questi questi ottavi di finale. La Colombia deve fare a meno di James Rodriguez, in tribuna infortunato. Nel primo tempo vincono in assoluto la noia e il gioco duro: saranno ben otto gli ammoniti al termine della gara. La ripresa si apre con l’ingenuità di C. Sanchez che trattiene vistosamente e ripetutamente Kane in area di rigore proprio sotto gli occhi dell’arbitro che non può fare altro che decretare il rigore; il solito Kane è freddissimo e fa 1-0. Tutto sembra ormai scritto, Muriel e Bacca, inseriti per dare man forte ad uno spento Falcao non riescono a trovare la rete del pareggio. Allora è il solito Mina, difensore goleador, a trovare in pieno recupero la zampata vincente dopo un miracolo di Pickford: si va ai supplementari! La stanchezza inizia a farsi sentire e i due tempi supplementari si chiudono con una enorme chance per Rose, il cui diagonale termina fuori di centimetri. Sono dunque i rigori a decidere la gara. Ospina si esalta sul tiro di Henderson e ormai sembra fatta ma la traversa nega il gol a Uribe, riportando la due squadre in parità. Il successivo errore di Bacca consente a Dier di chiudere la sfida a favore degli inglesi che sfatano iln loro tabù personale che li vedeva sempre sconfitti dal dischetto da Italia ’90.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *