Tacopina a Venezia: “Serie A e nuovo stadio sono gli obiettivi”


Joe Tacopina è ufficialmente il nuovo proprietario e presidente del Venezia. Nella conferenza stampa odierna ha annunciato di puntare al ritorno in Serie A ed alla costruzione di un nuovo stadio

– di Marco Vigarani –

Joe Tacopina è il nuovo presidente e proprietario del Venezia (ph. Venezia FC)

Joe Tacopina è il nuovo presidente e proprietario del Venezia (ph. Venezia FC)

Non è passato neanche un anno da quando Joe Tacopina faceva incetta di sorrisi e selfie sotto i portici di Bologna ed oggi è stato presentato a Venezia come nuovo proprietario e presidente del club locale. Una nuova sfida per l’avvocato newyorkese che ha già alle spalle esperienze di successo nel rilancio della Roma ed appunto dei rossoblù ma che oggi accetta in prima persona una sfida ancor più difficile puntando a vincerla per il momento senza altri soci dopo il fallimento della partnership con Joey Saputo. Nella fascinosa e storica Sala della Musica di Ca’ Sagredo, la dirigenza del Venezia questa mattina si è presentata al gran completo per dare il via ufficiale alla nuova era corroborata sul campo da un avvio di stagione record: sei vittorie su altrettanti incontri come nessuno nel calcio professionistico e dilettantistico in Italia. L’obiettivo sul campo è chiaro: “Ho intrapreso con orgoglio questa avventura – ha detto Tacopina – e voglio riportare questo club in Serie A, vi garantisco che ci riuscirò. La garanzia del nuovo progetto è il direttore sportivo Giorgio Perinetti, uno dei migliori professionisti italiani che è riuscito a portare in Serie D giocatori di categoria superiore con l’obiettivo di vincere il campionato. Insieme a lui sto lavorando per costruire anche uno staff organizzativo degno della Serie A. Nei giorni scorsi ero a Londra per un convegno ed in tanti mi hanno avvicinato per chiedermi notizie del Venezia: c’è grande fermento e curiosità per questo nuovo progetto“.

Parole che suonano sicuramente familiari alle orecchie dei tifosi rossoblù ma che lanciano una sfida decisamente più difficile di quella affrontata sotto le Due Torri e ovviamente anche dai costi più contenuti. Vincere la Serie D ha costi ridotti rispetto a quelli richiesti dal Bologna un anno fa, la società è in condizioni economiche decisamente migliori ed anche la pressione della città, dopo oltre un decennio di bocconi amari, è inferiore a quella presente in Emilia. Il Venezia manca dalla massima categoria italiana ormai dal 2002 e secondo Tacopina ha anche un’altra necessità: “Costruire un nuovo stadio è fondamentale perchè il Penzo ha carattere ed è bellissimo, ma è troppo vecchio e purtroppo non ci sono margini per interventi di ampliamento. Realizzeremo un nuovo impianto moderno sulla terraferma e chiediamo ai tifosi di continuare a sostenerci nella nostra avventura“. Anche la chiosa con lo slogan “Tutti al Penzo” ha un sapore agrodolce di ricordo per tanti tifosi del Bologna che meno di un anno fa hanno sentito il proprio cuore rossoblù rianimato dall’arrivo di Tacopina.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *