Tacopina: “Sono il presidente del Bologna e nessuno può cacciarmi”


Il presidente Joe Tacopina si presenta da solo davanti ai cronisti per offrire un chiarimento sulla sua posizione all’interno del Bologna

– di Marco Vigarani – 

Joe Tacopina spiega le sue ragioni a Sestola

Joe Tacopina spiega le sue ragioni a Sestola

Come promesso, il presidente Joe Tacopina si presenta davanti ai media per presentare la sua verità sulle dinamiche attuali all’interno del club. Lo fa da solo sulla tribuna dello stadio di Sestola in modo anomalo e con piglio serio dice: “Sono qui per offrire un chiarimento dopo tante settimane di parole anche se per me non è cambiato assolutamente nulla rispetto allo scorso autunno. Ho sempre lavorato per il bene del Bologna perchè amo questa città e questa gente sin dal 2008 e non farei mai nulla che possa compromettere il futuro di questo club. Ricordo ancora quando arrivai a Casteldebole e vidi tante persone felici fino alle lacrime e la sera della promozione in Serie A è stato uno dei giorni più belli di tutta la mia vita. Se è cambiato qualcosa in questo lasso di tempo devo dire che è cambiato per qualcun altro: io continuo a fare con grande piacere quello che ho sempre fatto andando alle feste dei club e rappresentando il Bologna in ogni occasione che possa avvicinare ulteriormente i colori rossoblù alla città perché questa è stata la mia missione sin dal primo giorno. Il nostro motto lo vedete ovunque e recita We Are One e ci credo sempre. Mi dispiace se altri non ci credono più“.

Joe Tacopina e Joey Saputo rilevano il Bologna dalle mani di Guaraldi

Joe Tacopina e Joey Saputo ai tempi delle trattative per l’acquisto del Bologna

L’attenzione si sposta quindi al caso della nota non pubblicata dalla società ed al sostanziale isolamento che vive Tacopina ormai da diverse settimane all’interno del suo club: “Dopo i fatti di Castelrotto era giusto che il presidente del Bologna esprimesse il suo pensiero e l’ho fatto a pieno titolo inviando la nota anche all’ufficio stampa del club. Evidentemente qualcuno ha ritenuto che non fosse giusto pubblicarla. Non voglio e non posso entrare nelle dinamiche dei rapporti interni alla società ma tengo ad ogni singola persona che lavora per il Bologna a maggior ragione visto che ho portato qui praticamente tutti i dirigenti attuali. Se qualcuno oggi si sente infastidito dalla mia popolarità mi dispiace ed è un sentimento che non condivido. Fenucci mi ha detto più volte che sono la persona perfetta per il ruolo di presidente ma sono anche uno dei proprietari di questo club. Non voglio parlare di quote e percentuali ma dico che si può essere soci investendo capitali propri, portando investitori o mettendo a disposizione altri generi di risorse. In questi mesi ho lavorato praticamente a tempo pieno per il Bologna lasciando anche da parte la mia attività forense ma credo che aver riportato la squadra in Serie A sia il miglior risultato possibile“.

Ieri Joe Tacopina all'arrivo a Sestola

Ieri Joe Tacopina all’arrivo a Sestola

Ritrova smalto e combattività nel finale il presidente quando spiega il suo ruolo nelle vicende societarie: “Il Bologna è mio. Sono il presidente del Bologna e, oggi come in ottobre, intendo rimanerlo fino alla morte. Non sono un impiegato e nessuno può cacciarmi dal ruolo che ricopro. Se mi chiedessero di andarmene è meglio che non dica quale sarebbe la risposta. La situazione attuale però va chiarita perché non intendo mai più ritrovarmi nelle condizioni di fare un’altra conferenza stampa come quella di oggi. Sono qui da solo proprio perché il presidente del Bologna deve essere libero di esprimere il proprio pensiero senza due o tre persone che lo affianchino. Il mio desiderio oggi sarebbe quello di parlare del futuro che ci attende sul campo ed invece non è possibile. Ripeto che io non ho problemi con nessuno ma se qualcuno ne ha con me c’è un solo modo per risolverli: la buona volontà“.

Il Video dell’intervista completa

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Tacopina: “Sono il presidente del Bologna e nessuno può cacciarmi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *