Terzo innesto in casa Virtus: ecco Guido Rosselli


Arriva il terzo colpo di mercato in casa Virtus con il tesseramento di Guido Rosselli, ala 33enne proveniente da Torino

– di Marco Vigarani –

Guido Rosselli è il terzo acquisto della Virtus (ph. Virtus)

Guido Rosselli è il terzo acquisto della Virtus (ph. Virtus)

Prosegue l’opera di costruzione del roster della nuova Virtus che si appresta a disputare il prossimo campionato di A2 e nelle scorse ore è arrivata la terza ufficialità in pochi giorni. Il nuovo arrivato è Guido Rosselli, ala di 33 anni vista all’opera lo scorso anno a Torino in massima serie. Nativo di Empoli, alto 198cm, Rosselli ha una lunga militanza nelle categorie inferiori a partire dalla B d’Eccellenza con il GS Riva per poi approdare alla Legadue con stagioni di successo a Rieti durante le quali ha conquistato la promozione e la Coppa Italia di categoria. Nel 2008 poi c’è stata per lui una breve esperienza in A1 a Biella per poi passare a Pistoia e quindi iniziare un bel biennio a Veroli in A2 sfiorando due volte la promozione ed aggiungendo altre due Coppe Italia alla bacheca. Dal 2011 poi ecco una nuova chiamata dalla A1 con Venezia che si affida a Rosselli per ben tre stagioni mettendogli anche al braccio la fascia di capitano ed infine lo scorso anno, come detto, l’esperienza a Torino chiusa con 22 minuti di media, con 5.7 punti e 3.3 rimbalzi per gara. Ecco il pensiero del presidente Bucci riguardo il nuovo innesto: “Portiamo in casa Virtus un giocatore importante, combattente nato e di grande esperienza. Abbiamo sempre detto che sarà la stagione giusta per lanciare i giovani del nostro vivaio, e per farlo al meglio ci servono accanto a loro uomini come Guido, che certamente ci darà una mano a farli crescere. Una buona annata nasce dal giusto mix tra esperienza ed entusiasmo, e ci stiamo incamminando in questa direzione. L’arrivo di Rosselli è un altro passo verso la Virtus che vogliamo”.

Ieri inoltre si è svolta l’Assemblea della Fondazione Virtus che ha portato innanzitutto alle dimissioni del presidente Pietro Basciano, un atto dovuto per evitare conflitti di interessi con la carica di presidente LNP, per il quale dovrà essere individuato un successore. Inoltre è stata approvata poi una modifica fondamentale dello statuto: non sarà più possibile entrare in Fondazione con un contributo una tantum e restarci, da oggi in poi ogni tre mesi verrà chiesto ai soci di partecipare ad eventuali esborsi vincolanti per restare all’interno della compagine. Il consiglio di indirizzo chiederà infatti la decadenza dei soci inattivi che non parteciperanno alla vita della società con scadenze regolari: in questo modo già nei prossimi mesi verrà sensibilmente ridotto il numero dei soci.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *