Torna la Formula 1, Vettel è fiducioso


Riparte nel weekend la stagione di Formula 1 con il ferrarista Vettel pronto a lanciare la sfida al campione Hamilton su Mercedes. Attesa per la novità delle qualifiche ad eliminazione

– di Marco Vigarani –

Sebastian Vettel è al primo anno in Ferrari (ph. 3news.co.nz)

Sebastian Vettel è al secondo anno in Ferrari (ph. 3news.co.nz)

I motori si stanno già scaldando a Melbourne in vista del ritorno della Formula 1 che domenica riaccenderà i motori sulla stagione 2016. Tornano in pista le monoposto più amate del mondo e scatta nuovamente la caccia al campion Lewis Hamilton sulla sua imprendibile Mercedes che nel 2015 ha confermato il titolo dell’anno precedente. La Ferrari vuole tornare protagonista dopo aver centrato l’obiettivo della crescita, lo stesso Marchionne ha chiesto pubblicamente di lottare per il titolo e le sensazione che emergono dai test effettuati sono estremamente positive. In realtà nessuno dei protagonisti a Maranello parla apertamente di lotta per la classifica iridata ma a microfoni lontani emerge chiaramente la voglia di lanciare la sfida a Hamilton per tornare ad una vittoria che manca dal 2007. Il primo a sognare una stagione da protagonista è la prima guida rossa Sebastian Vettel, già campione dal 2010 al 2013, che poche ore fa ha mandato un messaggio a tutti i tifosi della Ferrari: “Ciao Ragazzi. Spero che tutto sia a posto da voi in Italia! Il mio italiano non è perfetto, ma cerco di imparare sempre di più… In ogni caso non vedo l’ora di partire per ‘down under’… È sempre un piacere cominciare il mondiale in Australia. Melbourne è una bella città, giovane e molto sportiva. C’è sempre una bella atmosfera. Inoltre ci sono tantissimi tifosi della Ferrari che vengono al circuito a supportarci, arrivano perfino dall’Asia che è non molto lontana dall’Australia. Sì, da pilota questo è un GP davvero tutto da godere! Un gran saluto a tutti quanti voi, a prestissimo… Sebastian“.

La Ferrari però non potrà avvalersi solo del talento del pilota tedesco (secondo del circus per percentuale di vittorie dopo Hamilton) ma puntare su gioco di squadra e strategia per avere la meglio in circuiti dove il vantaggio della Mercedes resta importante. Servirà anche il supporto dell’ex campione Raikkonen, chiamato al riscatto che gli garantirebbe la conferma del contratto: uno scudiero di livello fa tutta la differenza del mondo come Rosberg è parte importante dell’equazione vincente di Hamilton. A provare a rompere le uova nel paniere alle due contendenti ci saranno ancora una volta Red Bull e Williams ma desta curiosità anche la nuova Toro Rosso accessoriata del motore Ferrari. A propositò di novità, c’è attesa per vedere l’effetto generato in pista dal nuovo sistema di qualifica ad eliminazione che porterà allo stop per i piloti più lenti a scaglioni temporali prefissati fino ad arrivare ad un duello finale per la pole position della durata di 90 secondi: un modo per aumentare la competizione e possibilmente anche lo spettacolo ma il cui impatto sulla realtà è ancora tutto da verificare.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *