Torna la Serie B: caccia aperta al Carpi


Dopo la sosta ritorna la Serie B con tante squadre a caccia di riscatto, il Carpi atteso all’esame di maturità ed alcune società sull’orlo della crisi

– di Marco Vigarani –

Il Carpi ha dominato il girone d'andata (ph. Lega Serie B)

Il Carpi ha dominato il girone d’andata (ph. Lega Serie B)

La pausa è finita e la Serie B ritorna a fare sul serio. Sono trascorsi venti giorni senza calcio vero, dedicati prima alle vacanze poi ad un richiamo atletico che possa garantire benzina fino alla fine di una stagione che potrebbe allungarsi fino a giugno inoltrato nell’eventualità dei playoff. Ora però ricomincia il campionato ma addirittura forse sarebbe più corretto parlare di un nuovo inizio perchè questa sosta ha portato alcuni cambiamenti importanti e potrebbe inevitabilmente incidere sulle prestazioni soprattutto delle squadre di vertice che storicamente falliscono il ritorno in campo.

Il mirino è puntato sul Carpi dei record, capace di chiudere il girone d’andata a 43 punti con un distacco di 9 lunghezze sulle prime inseguitrici ed uscendo dal campo sconfitto solo in due occasioni. Il mercato non ha cambiato il volto della squadra di Castori che dovrà però assorbire lo shock per la positività di Concas alla cocaina ma soprattutto dovrà guardarsi le spalle da chiunque: ora il Carpi non è più una sorpresa ma è diventata la squadra da battere. Dietro sono in tanti a sperare in qualche passo falso che consenta di riaprire anche i giochi per il primo posto visto che appena dietro troviamo ben nove squadre in appena 5 punti. Basti pensare che un anno fa il Palermo capolista aveva solo un punto di vantaggio sull’Empoli ma che la classifica era più allungata e proponeva già un distacco di 5 punti tra la seconda e la quarta.

Corvia disperato, il Brescia è sull'orlo del baratro (ph. Lega Serie B)

Corvia disperato, il Brescia è sull’orlo del baratro (ph. Lega Serie B)

Tra le candidate alla promozione si è mosso il Bologna con l’acquisto di Sansone in attesa dei colpi firmati dalla coppia Saputo-Corvino ma per il momento sono state anche più attive altre concorrenti. Il Bari ha aggiunto Ebagua e Schiattarella alla scuderia di uomini offensivi a disposizione di mister Nicola mentre il Catania ha operato una vera e propria rivoluzione tagliand i ponti con il passato argentino ed affidando le speranze di risalita al nuovo allenatore Marcolin. Sono già arrivati in Sicilia due calciatori solidi come Belmonte e Coppola ma soprattutto il capocannoniere del campionato Maniero che comporrà un tandem potenzialmente micidiale con Calaiò (finora 23 gol in totale). Ha già agito sul mercato anche il Modena con gli acquisti di Fedato e Garritano ma sono cambiate anche due panchine con Iuliano al Latina e soprattutto Gelain al Livorno per provare a ricostruire l’identità tattica della formazione toscana.

Ci sono però anche club che rischiano di vivere questo girone di ritorno come una lenta agonia a causa di problemi economici. La situazione del Brescia è ormai drammatica visto che se da una parte i contributi sembrano essere stati pagati al fotofinish, dall’altra è comunque in arrivo una forte penalizzazione in classifica alla quale si aggiunge il chiaro e giustificato desiderio dei calciatori di ottenere un immediato trasferimento presso altri club. I tempi per il passaggio di mano della società lombarda sono strettissimi e le Rondinelle corrono seriamente il rischio di trovarsi ad affrontare il resto della stagione con un organico monco. Anche il Varese vive sempre sul filo del rasoio con una penalizzazione arrivata già a -3 ed una situazione debitoria pesante che si cercherà in ogni modo di assorbire con un piano di rientro.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *